La riforma del catasto del 2014

La riforma del catasto 2014, in discussione al Senato, sembra essere sul punto di partire: con la stessa, potrebbe arrivare a conclusione un dibattito che dura ormai da settant'anni

Vediamo come funziona la riforma e cosa cambia per i proprietari di 63 milioni di abitazioni, che attendono con ansia di conoscere i dettagli di questa modifica per scoprire quanto dovranno pagare per le prossime tasse sulla prima e seconda casa.

La riforma del catasto 2014 porta con sé infatti il rischio di veder aumentare drasticamente il valore catastale dell'abitazione, e il conseguente pesante innalzamento delle tasse da pagare sull'abitazione.

Il punto principale di questa riforma è che il valore delle case sarà calcolato sui metri quadrati e non più sui vani.

Ciò vuol dire che un bilocale di 80 metri quadri varrà più di un trilocale di 70 metri quadrati, se sono nella stessa categoria.

Il meccanismo prevede la nascita di un nuovo valore medio ordinario, i cui coefficienti che decideranno del valore catastale prenderanno in considerazione il valore di mercato della casa al metro quadro per quanto riguarda gli ultimi tre anni, ma anche il luogo in cui si trova, i servizi presenti nel quartiere (metropolitana, negozi, locali, ecc), l'esposizione, l'ascensore, l'efficienza energetica.

L'obiettivo non è rendere il valore catastale uguale a quello di mercato, ma ridurre drasticamente le diseguaglianze tra chi (come avviene oggi) ha una casa il cui valore di mercato è pari al valore catastale e chi, invece, ne possiede una il cui valore catastale è un decimo del valore di mercato (con grande risparmio sulle tasse da pagare).

La riforma del catasto 2014 ha quindi l'obiettivo, dichiarato, di evitare che si paghi meno per case che magari si trovano nel centro storico di Roma rispetto a case che si trovano invece in periferia.

Ma quanto tempo ci vorrà?

Chi pensa di godere dei favori del catasto e quindi di pagare meno tasse di quanto gli potrebbe spettare può dormire per qualche tempo sonni tranquilli, i tempi perché il tutto sia completato (si tratta di un'operazione colossale) vanno dai tre ai cinque anni.

11 luglio 2014 · Gennaro Andele

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca