Come funziona il catasto

I documenti catastali sono acquisiti in formato digitale e sono confluiti in un sistema informativo elettronico in grado di interagire con altre banche dati dell'amministrazione Finanziaria ed anche esterne.

Come accennato in precedenza, il catasto assolve essenzialmente a funzioni fiscali, ma è di notevole utilità anche per fini civilistici quali supporto del servizio di pubblicità immobiliare, come progettazioni, analisi studi, ecc. e di governo del territorio sia per l'attuazione delle politiche economiche fiscali e sia per la tutela ambientale.

In Italia il catasto è articolato in due archivi autonomi, ovvero il catasto dei terreni e il catasto edilizio urbano.

Sono presenti alcuni elementi di continuità e collegamento tra i due archivi, tra i quali, quello fondamentale, della mappa catastale e dell'elenco degli intestati.

Per gli immobili urbani, il censimento è stato eseguito per unità immobiliare, ovvero per ogni parte di immobile autonomamente utilizzabile atta a produrre un reddito proprio.

In un edificio possono essere presenti più unità immobiliari e, viceversa, più edifici possono costituire una medesima unità immobiliare, si pensi a complessi scolastici, industriali o alberghieri.

Per ogni unità immobiliare sono riportati in catasto i suoi elementi di identificazione, che sono i seguenti:

  1. Comune
  2. Sezione
  3. Foglio
  4. particella
  5. Subalterno
  6. consistenza
  7. categoria
  8. classe di redditività e rendita catastale
  9. i soggetti titolari di diritti reali sull'immobile o comunque possessori
  10. planimetrie.

Le informazioni del catasto sono di libera consultazione.

Le chiavi di accesso alle informazioni possono essere l'identificativo catastale del bene e/o i dati anagrafici (e/o codice fiscale) del soggetto titolare di diritti reali.

La consultazione può essere eseguita online o presso gli sportelli degli uffici provinciali dell'Agenzia delle Entrate, presso alcuni Comuni o mediante privati.

L'esito della consultazione può essere richiesto anche sotto forma di certificazione.

Il catasto nazionale non ha carattere di prova, anche se la normativa catastale impone che non si può dare luogo a voltura della intestazione da un soggetto ad un altro in assenza di un atto legittimante.

Per avere certezza della titolarità di un bene in capo ad un determinato soggetto deve essere eseguita una visura catastale presso il servizio di pubblicità immobiliare, gestito dagli stessi uffici dell'Agenzia delle entrate.

Vediamo come nel prossimo paragrafo.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.