Case popolari cedute agli inquilini con mutui agevolati a prezzi stracciati

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

In arrivo un maxi-piano per la vendita delle case popolari, che potranno essere acquistate dagli attuali inquilini attraverso mutui agevolati.

Pare che il  governo  stia studiano una serie di incentivi, per l'avvio di un grande piano di dismissione del patrimonio Erp (edilizia residenziale pubblica), che in sostanza dovrebbero trasformare l'attuale affitto in un mutuo agevolato o sociale.

Qualora il provvedimento venisse  approvato saranno circa un milione i cittadini che avranno l'opportunità di diventare proprietari degli immobili in cui vivono. Il provvedimento, secondo le intenzioni dell'esecutivo, sarebbe un'altra misura per il sostegno alle famiglie più deboli, che potrebbero così acquistare la casa.

Il decreto per lo stanziamento dei 550 milioni è stato già predisposto.

Della somma complessiva, i primi 200 milioni saranno utilizzati per realizzare dai 500 ai 6000 nuovi alloggi. Questa sarebbe comunque solo la fase iniziale del programma che, secondo le stime dell'esecutivo, dovrebbe potrare alla realizzazione di 20 mila nuovi appartamenti entro il 2011.

Le case saranno destinate prima di tutto alle giovani coppie, agli anziani ed agli studenti che, con il tempo, potranno riscattare l'abitazione attraverso l'offerta dei mutui agevolati.

Le vendita delle case popolari certamente aumenterà (almeno lo si spera)  le pressioni ribassiste sui valori immobiliari. Gli ultimi dati sul 2008 mostrano un continuo rallentamento dei prezzi, dovuto a una serie di fattori differenti. Ormai da semestri - spiega l'ufficio studi di Tecnocasa - si assiste al progressivo rallentamento dei prezzi delle abitazioni per effetto di una maggiore offerta di immobili sul mercato e di una domanda pi prudente. Il cambio di politica da parte della Bce, che ha allentato il costo del denaro e le minori tensioni sul mercato interbancario, hanno ridato un minimo di fiducia al mercato, e qualcosa, in questo primo scorcio del 2009, si s già mosso. La tendenza - spiega Tecnocasa - è di una ripresa della domanda abitativa, stimolata dal ribasso dei tassi ma anche dalla consapevolezza che il mercato immobiliare abbia ormai intrapreso una nuova direzione e che la diminuzione dei prezzi offra delle opportunitànell'acquisto.

A livello quantitativo, nel secondo semestre 2008 i prezzi delle case hanno subìto un calo più sensibile nei capoluoghi di provincia (-3,9%), seguiti dall'hinterland delle grandi città (-3,8%) ed infine dalle grandi città (-3,6%). Cala il numero di mutui ipotecari per l'acquisto di abitazioni da parte di persone fisiche e il flusso di capitale erogato. A rilevarlo è l'Agenzia del Territorio che ha presentato oggi a Roma una radiografia del mercato immobiliare.

17 marzo 2009 · Piero Ciottoli

Approfondimenti e integrazioni

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info