Cartelle pazze - un modo per fare cassa?

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Negli ultimi 60 giorni, allo Sportello del Contribuente da Aosta a Palermo, sono arrivate 382 mila richieste di assistenza. Il motivo? Si tratta di cartelle pazze, una delle nostre anomalie.

Secondo Contribuenti.it che il 7 gennaio 2009, a Roma, ha partecipato al consiglio straordinario sulle cartelle pazze, questo è un metodo studiato appositamente per “fare cassa ad ogni costo“.

Oltre il danno anche la beffa, denuncia Contribuenti.it, perchè l'esattore pretende il “solvi et repete” cioè, “prima paghi e poi discutiamo”. Un procedimento che ha ingolfato gli iter giudiziari e i tavoli dei giudici di pace, da un mare di ricorsi avviati da contribuenti vessati.

Purtroppo, non pagare è peggio: in base al decreto salva crisi, infatti, agli insolventi dopo 60 giorni, vengono ipotecati immobili, pignorati stipendi e conti correnti, attanagliate auto e moto con le ganasce fiscali.

Ma Equitalia minimizza ...

22 febbraio 2009 · Paolo Rastelli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.