Cartelle esattoriali di equitalia sospese nel periodo natalizio

Cartelle esattoriali di Equitalia: scatta l'armistizio di Natale » Provvedimenti sospesi fino al 6 Gennaio 2016

Per quanto riguarda l'invio, della maggioranza, delle cartelle esattoriali di equitalia, ci sarà una breve sospensione: la pausa per tutto il periodo natalizio, fino all'epifania.

Sarà sospeso l'invio delle cartelle esattoriali di Equitalia per non rovinare il pranzo di Natale o il cenone di Capodanno.

La tregua dal 24 dicembre fino al 6 gennaio in cui verrà sospeso l’invio di cartelle e atti, con l’eccezione dei casi inderogabili.

Intanto le casse della società si ingrossano: nel 2015 la riscossione dovrebbe salire a circa 8 miliardi.

Approfondiamo la questione nei paragrafi successivi.

Sospeso l'invio delle cartelle esattoriali di equitalia per tutto il periodo natalizio

Il famigerato agente della riscossione, Equitalia, quest'anno si mette una mano sul cuore: niente cartelle esattoriali, a parte casi inderogabili, per tutto il periodo natalizio.

Equitalia ha reso noto che per tutto il periodo natalizio, ha sospeso l'invio delle cartelle di pagamento, ad eccezione degli atti cosiddetti inderogabili per i quali non può essere applicata nessuna sospensione.

Durante tale stop delle cartelle esattoriali, si prevede, ad esempio nel caso della regione Lombardia, la spedizione di sole 2.700 cartelle contro le 50.000 cartelle settimanali, mentre in Campania dove Equitalia spedisce settimanalmente 40.000 cartelle sono previste solo 2.500 cartelle.

Ernesto Maria Ruffini, amministratore delegato, ha annunciato che Equitalia vuole essere dalla parte degli italiani, non contro.

Il CEO ha spiegato che la sospensione delle cartelle esattoriali durante le festività natalizie rappresenta un atto di attenzione per le imprese e le famiglie il recupero dei crediti e dell’evasione sono fondamentali, così come avere gli italiani al proprio fianco.

Ruffini ha dichiarato, inoltre, che tra cartelle, avvisi e comunicazioni sono stati inviati lo scorso anno 30 milioni di atti. Ma sono debiti che vanno riscossi. Semmai non è stato sempre chiaro che si tratta di somme utili allo sviluppo del Paese.

Tale provvedimento dell'agenzia di riscossione, valido solo dal 24 dicembre al 6 gennaio, che riguarda migliaia di imprese e famiglie, non ha precedenti nella storia dell'azienda.

A partire dal prossimo anno le procedure saranno ulteriormente semplificate, alla rateizzazione per il debitore si affiancano delle nuove norme a che introducono l'obbligo per le società di usare la mail certificata per ricevere atti e cartelle, mentre per i cittadini occorrerà una richiesta diretta.

Inoltre Equitalia, che nel 2015 dovrebbe riscuotere circa 8 miliardi, ha reso noto che circa la metà dei debiti dei contribuenti vengono pagati attraverso lo strumento della rateizzazione, ciò come testimonianza che è possibile trovare soluzioni positive per per chi ha delle difficoltà.

A breve sarà possibile eseguire tutte le operazioni attraverso il sito istituzionale di Equitalia, per facilitare il dialogo con i cittadini e sanare le singole posizioni.

23 dicembre 2015 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartelle esattoriali di equitalia sospese nel periodo natalizio. Clicca qui.

Stai leggendo Cartelle esattoriali di equitalia sospese nel periodo natalizio Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 23 dicembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca