Ricorso – l'estratto di ruolo non è atto autonomamente impugnabile

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Sembrava che l'estratto di ruolo fosse autonomamente impugnabile

Fra gli atti impugnabili elencati nell'articolo 19 del Decreto Legislativo numero 546/92, figura anche il «ruolo». Sembrava dunque che il ruolo, di per sé solo, fosse autonomamente impugnabile.

In proposito la Corte di Cassazione, con la sentenza del 19.01.2010 numero 724, ha affermato che "l’articolo 19 del sopra citato decreto legislativo prevede l’impugnazione sia della cartella che del ruolo".

Tale precisazione rende del tutto evidente che l’impugnazione è ammissibile non solo nei confronti della cartella, ma anche contro l’estratto di ruolo che altro non è che una riproduzione di una parte del ruolo.

Quanto scritto, tuttavia, non basta per affermare l'autonoma impugnabilità del ruolo. Tale sentenza, infatti, deve essere letta secondo i principi generali che regolano il processo tributario. In particolare, va ricordato che il processo tributario è di natura "impugnatoria". In altre parole con esso il ricorrente mira ad ottenere l'annullamento di un atto lesivo dei propri diritti. Ne consegue che potranno essere impugnati solamente quegli atti idonei a produrre una lesione effettiva per il cittadino.

Per quanto riguarda il ruolo, questo, finché non viene notificato al contribuente (e ciò avviene con la notifica della cartella esattoriale), non produce alcun effetto nei suoi confronti. Ne consegue che il contribuente, che sia venuto a conoscenza della propria posizione debitoria attraverso una richiesta di accesso agli atti e visione dell'estratto di ruolo, non potrà impugnare quest'ultimo ma dovrà attendere la notifica della cartella esattoriale (che vale anche come notifica del ruolo).

In tal senso si è espressa la Commissione Tributaria Regionale della Puglia, secondo cui: "La copia dell'estratto di ruolo, non rappresentando un atto ricettizio dell'Amministrazione finanziaria contenente una specifica e definitiva pretesa tributaria capace di incidere irrimediabilmente nella sfera patrimoniale del contribuente, non è suscettibile di autonoma impugnazione" (sentenza del 18 dicembre 2009, numero 167).

Invece l'estratto di ruolo non è atto autonomamente impugnabile

Ci eravamo sbagliati: in base a quanto contenuto nella sentenza numero 6906 del 20 marzo 2013, pronunciata dalla Corte di Cassazione, quinta sezione civile, l'estratto di ruolo, che è atto interno all'Amministrazione, non può esser oggetto di autonoma impugnazione davanti al giudice tributario. E questo perché, senza notifica di un atto impositivo, non c'è alcun interesse concreto e attuale ex articolo 100 codice di procedura civile, a radicare una lite tributaria. L'estratto di ruolo, quindi, può esser impugnato soltanto unitamente alla cartella che sia stata notificata. Ciò che è altresì confermato dalla struttura oppositiva del processo tributario, che non ammette preventive azioni di accertamento negativo del tributo.

In pratica, l’estratto di ruolo di cui il contribuente venga a conoscenza "casualmente" deve considerarsi atto interno dell'Agente di riscossione, e quindi, in mancanza di notifica della cartella esattoriale, esso non costituisce atto impugnabile dinnanzi agli organi del contenzioso tributario, per carenza di interesse ad agire.

Secondo alcuni osservatori, comunque, questa pronuncia si pone in contrasto con l’indirizzo che la Suprema Corte ha seguito sino ad ora, secondo cui, ai fini della sussistenza dell'interesse a ricorrere, è sufficiente la conoscenza di una ben individuata pretesa tributaria, senza attendere che la medesima si vesta della forma autoritativa di uno degli atti dichiarati espressamente impugnabili dall'articolo 19 del D. Lgs.n. 546/1992. In base a tale principio, la Corte ha ritenuto atti impugnabili l’avviso bonario (sentenze nn. 16428/2007, 21045/2007), la visura catastale (sent.n. 27385/2008), l’estratto di ruolo (sentenza numero 724/2010, ordinanza numero 15946/2010).

Per fare una domanda agli esperti vai alforum

Per approfondimenti, accedi allesezioni tematiche del blog

12 aprile 2013 · Antonella Pedone

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

cartelle esattoriali - contenuti obsoleti

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca