Impugnazione cartelle esattoriali per canone RAI

Non c'è alcuna legge che obblighi un soggetto al possesso di un apparecchio televisivo e il pagamento del canone di abbonamento alla televisione è dovuto da chi detiene uno o più apparecchi televisivi ad uso privato nel luogo adibito a propria residenza o dimora.

Dunque, si tratta di una tassa sulla proprietà di un apparecchio televisivo. Se non c'è proprietà, non c'è tassa.

Io, personalmente conosco almeno tre modi in cui si può essere obbligati a pagare il canone di abbonamento RAI:

  1. si acquista un apparecchio televisivo fornendo i propri dati e non quelli di chi già ne possiede uno;
  2. si fa entrare in casa un soggetto sedicente funzionario ispettore della RAI, che spesso si qualifica come dipendente dell'Agenzia Entrate Torino - SAT e che intravede nel salone, in bella vista, un 50 pollci di ultima generazione (qualcuno dovrebbe chiedere ragione di una denominazione così ingannevole - questi soggetti non hanno alcun titolo e diritto ad ispezionare casa);
  3. si risponde via telefono ad un sondaggio sul gradimento di un programma televisivo in onda al momento del contatto telefonico.

Ci sono poi quelli che pagano volontariamente per non subire le continue e petulanti richieste di obolo, effettuate via posta sempre dell'ingannevole Agenzia Entrate - SAT.

Per concludere: le eventuali cartelle esattoriali sono impugnabili se non c'è prova provata del possesso di un apparecchio televisivo. Le missive dell'Agenzia Entrate - SAT, che ingiungono il pagamento del canone, sono cestinabili senza alcun preavviso.

Questo è quanto.

23 ottobre 2012 · Ornella De Bellis

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su impugnazione cartelle esattoriali per canone rai.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • beppe666 13 novembre 2013 at 17:43

    I l fatto è che io non ho ricevuto nulla e non vivo in una grande città e facendo i turni i mezzi pubblici non passano negli orari consoni ai miei orari se mi bloccano il veicolo cosa faccio vado in bici mi faccio 40 km al giorno penso che Equitalia potrebbe valutare la mia condizione ?

    • Ludmilla Karadzic 13 novembre 2013 at 18:25

      Di solito, i funzionari ed i dirigenti di Equitalia possono valutare solo condizioni che derivano da risultanze documentali. Comunque, nel caso in cui disponessero un fermo amministrativo può sempre provare a rappresentare la sua condizione.

      Ma sarebbe meglio, con un approccio proattivo, vendere adesso il veicolo, che le serve per andare al lavoro, ad un amico o parente.

    1 2 3