Cartelle esattoriali - la prescrizione non è certa

Alcuni tributaristi affermano che è possibile ritenerla prescritta anche dopo 5 anni (ed anche di meno, in dipendenza della tipologia dell'importo iscritto a ruolo).

Altri, invece, preferiscono fissare per sicurezza un termine prescrittivo decennale.

La giurisprudenza tributaria, come spesso accade, è di controversa interpretazione. Ma dopo dieci anni dalla data di notifica della cartella esattoriale - in mancanza di comunicazioni interruttive o dell'attivazione di procedure di escussione forzata da parte del concessionario della riscossione - il titolo esecutivo può ritenersi, pacificamente, prescritto.

In ogni caso la prescrizione della cartella esattoriale può essere fatta valere con ricorso al giudice competente e nei termini di legge quando le sarà notificato un atto di riscossione coattiva.

E, al riguardo, vale la pena far rilevare che la prescrizione viene interrotta anche quando il creditore avvia esecuzioni infruttuose.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 settembre 2010 · Chiara Nicolai

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartelle esattoriali - la prescrizione non è certa. Clicca qui.

Stai leggendo Cartelle esattoriali - la prescrizione non è certa Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria debiti prescrizione e decadenza - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info