Cartella esattoriale originata da crediti contributivi - Modalità di calcolo degli ulteriori oneri accessori

1) Regime sanzionatorio Legge numero 388/2000, articolo 116, comma 8, lettera a)

Se è presente l'importo "ulteriore somma aggiuntiva" gli oneri accessori (somme aggiuntive e/o interessi di mora) per il ritardato pagamento, per ogni contributo interessato, si calcolano come segue:

  • determinare il numero dei giorni che intercorrono tra la data di notifica della cartella e quella di pagamento;
  • moltiplicare questo numero per il Tasso Ufficiale di Riferimento (TUR) maggiorato del 5,5 e per l'importo del contributo e dividere per 36500;
  • verificare che l'importo ottenuto sia inferiore o uguale a quello indicato come "ulteriore somma aggiuntiva" esposto nella sezione "Dettaglio degli addebiti" ed effettuare il versamento.

Una volta raggiunto, mediante tale calcolo, l'importo indicato come "ulteriore somma aggiuntiva" si dovrà procedere a un successivo conteggio, in ragione degli ulteriori giorni di ritardo nel pagamento, applicando il tasso stabilito per gli interessi di mora solo sull'importo dovuto per contributi (vedi calcolo per "interessi di mora") e procedere al versamento.

Se non è presente l'importo "ulteriore somma aggiuntiva", in quanto il tetto massimo previsto è già stato raggiunto, occorre calcolare gli interessi di mora secondo le istruzioni riportate al punto 3).

Lo stesso calcolo andrà effettuato nel caso in cui sia presente la sola voce “interessi di mora”.

2) Regime sanzionatorio Legge numero 388/2000, articolo 116, comma 8, lettera b)

Se è presente l'importo "ulteriore somma aggiuntiva", gli oneri accessori (somme aggiuntive e/o interessi di mora) per il ritardato pagamento, per ogni contributo interessato, si calcolano come segue:

  • determinare il numero dei giorni che intercorrono tra la data di notifica della cartella e quella di pagamento;
  • moltiplicare questo numero per 30 % in ragione d'anno, per l'importo del contributo e dividere per 36500;
  • verificare che l'importo ottenuto sia inferiore o uguale a quello indicato come "ulteriore somma aggiuntiva" esposto nella sezione "Dettaglio degli addebiti" e provvedere al pagamento.

Una volta raggiunto, mediante tale calcolo, l'importo indicato come "ulteriore somma aggiuntiva", si dovrà procedere a un successivo conteggio in ragione degli ulteriori giorni di ritardo nel pagamento, applicando il tasso stabilito per gli interessi di mora solo sull'importo dovuto per contributi (vedi calcolo per "interessi di mora").

Se non è presente l'importo "ulteriore somma aggiuntiva" occorre procedere al calcolo degli interessi di mora secondo le istruzioni riportate al punto 3). Lo stesso calcolo andrà effettuato nel caso in cui sia presente la sola voce "interessi di mora".

3) Calcolo degli interessi di mora Legge numero 388/2000, articolo 116, comma 9

Gli interessi di mora per il ritardato pagamento, per ogni contributo per il quale si sia già raggiunto il tetto massimo previsto per le somme aggiuntive, vanno calcolati come segue:

  • determinare il numero dei giorni che intercorrono tra il giorno in cui è stato raggiunto il "tetto massimo" e il giorno di pagamento;
  • moltiplicare questo numero per il tasso stabilito per gli interessi di mora in ragione d'anno, per l'importo del solo contributo e dividere per 36500;
  • sommare l'importo così calcolato agli importi richiesti in cartella ed effettuare il versamento.

Per conoscere il tasso vigente per il calcolo delle somme aggiuntive si dovrà fare riferimento all'apposito provvedimento del Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea con il quale viene determinato il Tasso Ufficiale di Riferimento (TUR).

Per conoscere il tasso vigente per il calcolo degli interessi di mora si dovrà invece fare riferimento all'apposito atto normativo.

27 febbraio 2011 · Andrea Ricciardi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale originata da crediti contributivi - modalità di calcolo degli ulteriori oneri accessori.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • archimede 28 marzo 2011 at 08:50

    per cartelle inps non pagate e multe equitalia può mettere ipoteche su immobili o fermi amministrativi per auto di ditte individuali?

    • cocco bill 28 marzo 2011 at 13:08

      Ciao Archimede. Il suo quesito andrebbe riproposto nella sezione "cartelle esattoriali" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrà inserire il suo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.