Conclusioni sulle modalità di opposizione a cartella esattoriale originata da multa

Ora, tornando al caso in esame, andava correttamente applicata la procedura ex articolo 615 codice di procedura civile Ma, per evitare un ricorso "al buio" era necessario prima sapere se effettivamente il verbale di multa era stato notificato o meno nei termini di legge. In questo contesto nasce il problema. La PA ha trenta giorni di tempo per rispondere ad una istanza di accesso agli atti. Lo stesso tempo, ahimé, necessario per presentare ricorso al Giudice di Pace dopo la notifica della cartella esattoriale originata dal mancato pagamento di una multa per violazione al codice della strada che si ritiene, con motivazioni fondate, mai essere stata notificata..

Tuttavia, e rispondo finalmente alla sua domanda, l'opposizione ex articolo 617 potrà essere esperita durante l'esecuzione coattiva conseguente all'omesso pagamento della cartella esattoriale. Ovvero appena Equitalia disporrà e le notificherà il fermo amministrativo su un veicolo o un'ipoteca su un'immobile di sua proprietà (cosa che comunque non potrebbe fare se la cartella esattoriale è originata da multe) o esperirà altre azioni esecutive. In quel momento lei avrà certezza dell'eventuale inesistenza giuridica della notifica del verbale di multa. In tale evenienza saranno nulli il titolo esecutivo (la cartella esattoriale) che dal mancato pagamento della multa ha avuto origine, nonché tutti gli atti esecutivi conseguenti.

Invece, se le risultanze dell'accesso agli atti propenderanno per una notifica del verbale di multa effettuata correttamente, potrà pagare l'importo iscritto a ruolo, seppur gravato da ulteriori interessi e spese.

Capisco che quella proposta non è certo la soluzione ideale. Ma altro non si può fare se non rassegnarsi a pagare la cartella esattoriale per poi, magari, scoprire che la notifica del verbale di multa era illegittima.

Questo accade perchè nessuno sembra accorgersi della contraddizione esistente nello stabilire un termine di 30 giorni per proporre ricorso al Giudice di Pace - allo scopo di eccepire una notifica mai effettuata oppure eseguita non correttamente - e quello, sempre di 30 giorni, che la PA si riserva per fornire la documentazione probante finalizzata a sancire la correttezza o meno della notifica. In pratica si costringe il cittadino, che riceve una cortella esattoriale originata da una molta che presume non correttamente notificata o mai notificata, a proporre un ricorso al buio. Oppure a rinunciare al ricorso o, ancora, a farsi carico di ulteriori spese, se decide di opporsi all'esecuzione coattiva (ex articolo 617 codice di procedura civile) una volta conosciuto l'esito dell'accesso agli atti.

E, poi, si parla tanto di contenere i costi della giustizia!

In ogni caso, sono d'accordo. La vicenda denunciata palesa una evidente violazione del diritto di difesa, così come stabilito dall'articolo 24 della Costituzione.

24 ottobre 2012 · Simonetta Folliero

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conclusioni sulle modalità di opposizione a cartella esattoriale originata da multa.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.