I vizi più comuni nella notifica di una cartella esattoriale

Quali sono i vizi più comuni nella notifica di una cartella esattoriale.

In generale, una cartella esattoriale può essere contestata per vizi formali propri.

Ad esempio: errore di persona, errore logico o di calcolo, doppia imposizione, tributo già pagato, mancata considerazione di diritti a riduzioni, omessa indicazione del responsabile del procedimento.

La cartella esattoriale deve essere preceduta dalla notifica del verbale (o avviso) di accertamento, ossia l'atto con il quale l'Amministrazione rende noto al contribuente l'obbligo di pagare una determinata somma.

Se prima della cartella non è stato inviato alcun atto di accertamento, si può impugnare la cartella anche per questioni di merito, sostenendo ad esempio l'insussistenza del debito stesso.

Lo stesso si può dire nel caso in cui la notifica del precedente atto sia avvenuta in maniera irregolare.

Riguardo i possibili vizi di notifica, ricordiamo ancora una volta, che questa va effettuata secondo le seguenti regole, a pena di nullità .

La notifica della cartella può essere fatta:

  • nelle mani proprie del destinatario (ovunque questi si trovi);
  • nelle mani di soggetti terzi (in questo caso solo nel domicilio del destinatario).

Possono ricevere la notifica i seguenti soggetti terzi:

  1. persona di famiglia, purché non minore di 14 anni o palesemente incapace;
  2. gli addetti alla casa (o all'ufficio o azienda), purchè non minori di 14 anni o palesemente incapaci;
  3. il portiere dello stabile;
  4. i vicini di casa che accettino il ricevimento.

Se la notifica non è fatta a mani del destinatario, l'atto deve essere consegnato, con la relata di notifica, in busta chiusa e sigillata, riportante solo il numero cronologico dell'atto stesso (non debbono esserci segni, dati od indicazioni che potrebbero indicarne il contenuto).

Nei casi di consegna al portiere o al vicino di casa, il destinatario deve ricevere notizia della notifica tramite raccomandata a/r.

In caso di notifica a mezzo posta, vi è l'obbligo di avvisare il destinatario riguardo alla consegna fatta nelle mani di terzi tramite un'ulteriore raccomandata a/r, per le notifiche effettuate a partire dal 1/3/2008.

23 dicembre 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i vizi più comuni nella notifica di una cartella esattoriale. Clicca qui.

Stai leggendo I vizi più comuni nella notifica di una cartella esattoriale Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 23 dicembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria notifica della cartella esattoriale e degli atti impositivi in generale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca