Cartella esattoriale - spese di notifica, aggio di riscossione, interessi di mora

Per alcuni enti creditori la legge ha introdotto nuovi atti che sostituiscono la cartella esattoriale:

  1. l'avviso di addebito dell'Inps, che dal 1° gennaio 2011 ha preso il posto della cartella di pagamento per i crediti di natura previdenziale;
  2. l'accertamento esecutivo, che dal 1° ottobre 2011 ha sostituito in parte la cartella per i crediti erariali. L'accertamento esecutivo è stato successivamente esteso dal legislatore anche ai crediti dell'Agenzia delle dogane.

La cartella esattoriale è il documento che Equitalia invia ai debitori su incarico dell'ente creditore (Agenzia delle entrate, INPS, Comuni convenzionati ecc.) in cui sono riportate tutte le informazioni utili.

Tra queste:

  • l'ente che richiede il pagamento;
  • il nominativo del debitore;
  • la somma da versare;
  • le procedure che Equitalia attiverà in caso di mancato pagamento nel termine dei 60 giorni.

Nella cartella esattoriale si trovano, inoltre, il dettaglio degli interessi, delle sanzioni e di tutte le altre spese, le indicazioni di come e dove pagare, presentare ricorso o richiedere una rateazione.

Equitalia restituisce integralmente agli enti creditori gli importi riscossi, compresi interessi e sanzioni previsti dalla legge.

Equitalia trattiene invece il rimborso delle spese di notifica, pari a 5,88 euro, e l'aggio, ovvero la percentuale sulle somme effettivamente riscosse, fissato dalla legge all'8% (per i ruoli emessi a patire da gennaio 2013) a titolo di remunerazione onnicomprensiva per il servizio svolto.

Per i pagamenti effettuati entro i 60 giorni dalla notifica della cartella, l'aggio è ripartito tra il contribuente (4,15%) e l'ente creditore (3,85%).

Equitalia notifica la cartella attraverso un messo, un ufficiale di riscossione o mediante raccomandata con ricevuta di ritorno. Quando non è possibile notificare per assenza o irreperibilità del destinatario (articolo 140 codice di procedura civile), è prevista la notifica per affissione all'albo comunale.

Dalla data di notifica, il cittadino ha 60 giorni di tempo per pagare o contestare la cartella. Scaduto il termine, il debitore dovrà pagare ulteriori importi:

  • gli interessi di mora, che maturano a partire dalla data di notifica su ogni giorno di ritardo e che Equitalia riversa interamente agli enti creditori;
  • per i debiti previdenziali, le sanzioni civili o cosiddette “somme aggiuntive”, che Equitalia riversa interamente agli enti creditori;
  • l'aggio di riscossione interamente a carico del debitore e pari all'8% del totale (per i ruoli emessi dal 1° gennaio 2013);
  • le eventuali spese per le procedure cautelari ed esecutive (fermi, ipoteche, pignoramenti).

3 settembre 2013 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale - spese di notifica, aggio di riscossione, interessi di mora.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.