La pronuncia della cassazione sull'impugnabilità della comunicazione di iscrizione a ruolo

I giudici della Suprema Corte, adita avverso la decisione dei giudici di merito, hanno accolto il ricorso del contribuente, ribaltando di fatto il giudizio espresso sia in primo che in secondo grado.

Secondo la Corte, l'atto qualificato come “comunicazione di iscrizione a ruolo” spedito a mezzo posta ordinaria e non tramite notifica, è da ritenersi atto autonomamente impugnabile ai sensi dell'articolo 32, co 1, lettera a) del decreto legislativo numero 46/1999. Tale decreto disciplina la fattispecie relativa alla riscossione spontanea delle imposte dovute a mezzo ruolo, prevedendo che si considera tale la riscossione da effettuare a “seguito di iscrizione a ruolo non derivante da inadempimento”. Questa fattispecie è da applicarsi al caso in esame in quanto il contribuente ha provveduto spontaneamente al pagamento del tributo richiesto dal proprio Comune.

In subordine, i giudici di legittimità sostengono che la comunicazione di iscrizione a ruolo non è atto privo di effetti giuridici e quindi il contribuente ha l'interesse a impugnarlo a tutela della propria situazione giuridica.

Nel caso concreto l'interesse del contribuente scaturisce proprio dalla comunicazione ricevuta a mezzo posta poiché contiene “la determinazione dell'esatta somma dovuta […]” e la specifica che “in mancanza del suo pagamento seguirà l'iscrizione a ruolo […]”. Pertanto, tale atto si qualifica come una vera e propria liquidazione dell'imposta e quindi è da giudicare equipollente alla cartella esattoriale, impugnabile ai sensi del decreto legislativo numero 546/1992.

(Cassazione civile Sentenza, Sez. Trib., 15/06/2010, numero 14373)

di Chiara Rossini da Ipsoa Fisco

Per porre una domanda sulla notifica, il pagamento e la dilazione della cartella esattoriale; sul pignoramento esattoriale, il fermo amministrativo, l'iscrizione ipotecaria e su qualsiasi argomento correlato all'articolo, clicca qui.

2 luglio 2010 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la pronuncia della cassazione sull'impugnabilità della comunicazione di iscrizione a ruolo. Clicca qui.

Stai leggendo La pronuncia della cassazione sull'impugnabilità della comunicazione di iscrizione a ruolo Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 2 luglio 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 26 dicembre 2016 Classificato nella categoria impugnazione estratto di ruolo e avvisi di accertamento Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca