Come presentare richiesta di sopsensione per una cartella esattoriale pazza

Una volta verificata la presenza di una di queste condizioni per la cartella esattoriale ricevuta, il debitore deve fare un'apposita dichiarazione ad Equitalia che deve essere presentata entro 90 giorni dalla ricezione della cartella esattoriale, insieme alla documentazione che giustifica la richiesta di sospensione della riscossione (come ad esempio la ricevuta di pagamento, provvedimento di sgravio, sentenza, ect) e da un documento di riconoscimento.

11 ottobre 2013 · Andrea Ricciardi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come presentare richiesta di sopsensione per una cartella esattoriale pazza.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • ignazio 12 ottobre 2013 at 08:58

    ciao ho acquistato casa firmato atto notarile e dopo aver firmato l'atto notarile mi sono visto revocare l'atto da equitalia che aveva un credito verso la venditrice della casa ...ora che faccio??? premetto che al momento del rogito notarile non vi erano vincoli di ipoteca e ne di pignoramenti mentre ora con questo atto di revoca del rogito da parte di equitalia metteranno credo un ipoteca....quindi è normale che dopo che io ho acquistato casa regolarmente visto che la casa era libera da ogni vincolo ora equitalia me la toglie senza che io ci possa far nulla e senza colpa??? e poi quanto tempo aveva equitalia per fare questo atto di revoca del rogito??? grazie

    • Simone di Saintjust 12 ottobre 2013 at 09:08

      Non possono essere sottoposti ad azione revocatoria gli atti del debitore riguardanti le vendite ed i preliminari di vendita immobiliare conclusi a giusto prezzo ed aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo, destinati a costituire l'abitazione principale dell'acquirente o di suoi parenti e affini entro il terzo grado.

      Pertanto, se lei ha acquistato l'immobile a prezzo di mercato, non è parente o affine del debitore, e l'immobile acquistato costituisce residenza per lei o per suoi parenti o affini entro il terzo grado, potrà opporsi con successo, essendone legittimato, all'azione revocatoria dell'atto di compravendita promossa da Equitalia.

    • ignazio 12 ottobre 2013 at 09:14

      ok grazie per la sua esaustiva risposta e visto che non siamo parenti con la venditrice credo che metterò l'avvocato per leggittimare la mia posizione