Cartella esattoriale » Che fare se equitalia rifiuta la dilazione?

1. Che succede se l'agente della riscossione oppone diniego alla concessione della dilazione della cartella esattoriale?
2. Cartella esattoriale: Che fare se equitalia rifiuta la dilazione? » dimostrazione di una situazione di difficoltà economica
3. Cartella esattoriale: Che fare se equitalia rifiuta la dilazione? » Semplice richiesta
4. Cartella esattoriale: Che fare se equitalia rifiuta la dilazione? » Un esempio pratico

Che succede se l'agente della riscossione oppone diniego alla concessione della dilazione della cartella esattoriale?

Cartella esattoriale da equitalia: che succede se l'agente della riscossione rifiuta di concedere la dilazione (o rateizzazione)? Nel proseguimento dell'articolo, per prima cosa, riproporremo i principi della dilazione delle cartelle di pagamento, per poi chiarire al lettore i casi in cui equitalia può rifiutare la rateazione, aggiungendo qualche suggerimento su come muoversi in questi casi.

Equitalia può concedere la dilazione di una cartella esattoriale in due casi, ovvero:

La disciplina che regola la concessione del beneficio è sempre stata differenziata a seconda dell'importo del debito.

Comunque, vediamo nello specifico queste due situazioni particolari.

Cartella esattoriale: Che fare se equitalia rifiuta la dilazione? » dimostrazione di una situazione di difficoltà economica

Equitalia, su richiesta del contribuente, può concedere la dilazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo fino a un massimo di 72 rate mensili (6 anni) nelle ipotesi di temporanea situazione di obiettiva difficoltà. L’importo minimo di ogni rata è, salvo eccezioni, pari a 100 euro. La difficoltà economica deve essere documentata.

Le recenti disposizioni previste dal decreto del fare (decreto legge numero 69/2013 convertito con modificazioni dalla legge numero 98/2013) consentono anche di richiede una rateazione fino a un massimo di 120 rate mensili (10 anni) nei casi in cui il cittadino si trovi, per ragioni che non dipendono dalla sua responsabilità, in una grave e comprovata situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica.

In particolare, possono usufruire di tale beneficio i contribuenti non in grado di pagare il debito secondo la rateazione ordinaria (72 rate mensili) e che, invece, possono sostenere un piano di rateazione più lungo.

In verità, per essere operativa quest’ultima modifica (ossia la possibilità di estendere la rateazione da 72 a 120 rate) si deve ancora attendere l’emanazione di un apposito decreto del Ministro dell'Economica e delle Finanze. Pertanto, al momento, resta fermo il limite di 72 rate da 100 euro l’una.



Cartella esattoriale: Che fare se equitalia rifiuta la dilazione? » Semplice richiesta

Rateazione equitalia: per debiti fino a 50 mila euro possibile chiederla con semplice richiesta motivata.

E' di 50 mila euro la soglia massima che permette di chiedere la rateizzazione con una semplice richiesta motivata. E’ possibile ottenere fino a 72 rate (6 anni), fermo restando che l’importo di ciascuna rata dovrà essere pari almeno a 100 euro.

Per gli importi sopra i 50 mila euro occorrerà invece presentare una serie di documenti aggiuntivi per dimostrare la situazione di temporanea difficoltà (come l’Isee per le persone fisiche; mentre per i soggetti diversi dalle persone fisiche o dai titolari di ditte individuali in regimi fiscali semplificati l’esistenza di una situazione di temporanea e obiettiva difficoltà si valuta mediante l’applicazione di alcuni parametri costituiti dai cosiddetti “indice di liquidità” e “indice alfa”).

In generale Equitalia può concedere il rateizzo delle somme dovute fino a un massimo di 6 anni (72 rate). Se si è chiesto un periodo inferiore si può ottenere una proroga, sempre fino a un massimo di 72 rate, se durante i pagamenti si dimostra il peggioramento della situazione di difficoltà posta a base della concessione della prima rateazione.

L’importo minimo di ogni rata è pari a 100 euro. Ma nella richiesta il contribuente può indicare la preferenza per un piano di dilazione a rate variabili e crescenti, più basse all'inizio nella prospettiva futura di un miglioramento della situazione economica del contribuente.

Cartella esattoriale: Che fare se equitalia rifiuta la dilazione? » Un esempio pratico

Vediamo ora come e quando equitalia può rifiutare la dilazione di una cartella esattoriale.

Facciamo un esempio pratico: si ha un debito con Equitalia di 60.000 mila euro.

Dopo aver presentato richiesta di dilazione, l’agente per la riscossione ha comunicato, con una lettera, che la rateazione non può essere accolta, convocando negli uffici per avere ulteriori chiarimenti.

Come comportarsi in questi casi?

Partiamo dal presupposto che non ci siano ulteriori pendenze derivanti da altre rateazioni in corso non rispettate. Nel nostro caso, il debitore è alla sua prima richiesta di dilazione.

Pertanto, il rifiuto da parte di Equitalia alla rateizzazione della cartella esattoriale, potrebbe giustificarsi per il fatto che il debito in questione è di importo superiore a 50 mila euro e il contribuente non ha ancora documentato la situazione di grave difficoltà economica.

Infatti, come spiegato nel precedente paragrafo, o l’interessato accede alla rateazione automatica a semplice richiesta, purché il debito non superi 50 mila euro, oppure, in tutti gli altri casi, è necessaria la presentazione di una documentazione di grave difficoltà economica.

Dunque, le soluzioni da adottare sono due:

  1. o il contribuente paga immediatamente un importo pari a 10.000 euro, in modo da riportare il debito complessivo sotto la soglia dei 50.000 euro ed accedere alla rateazione automatica
  2. oppure, il debitore interessato presenta la documentazione di difficoltà economica agli sportelli dell'ufficio di Equitalia.

Comunque, il consiglio che possiamo dare in questi casi è di presentarsi sempre agli uffici dell'agente della riscossione, per poi scegliere con gli operatori la strada più semplice da seguire.

29 ottobre 2013 · Giuseppe Pennuto

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , , ,

dilazione della cartella esattoriale

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale » che fare se equitalia rifiuta la dilazione?. Clicca qui.

Stai leggendo Cartella esattoriale » Che fare se equitalia rifiuta la dilazione? Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 29 ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria dilazione della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca