Carte di credito – tipologie

1. Carta di credito a saldo (in lingua inglese “charge”)
2. Carta di debito più comunemente conosciuta come bancomat
3. Carta di credito revolving
4. Carta privativa o Fidelity Card
5. CARTA REVOLVING - AVVERTENZE

Carta di credito a saldo (in lingua inglese “charge”)

Simile alla carta di debito, però con addebito di tutti gli importi spesi nell’arco del mese in un’unica soluzione, di norma entro la metà del mese successivo.

Il saldo del conto avviene normalmente tramite addebito sul conto corrente del cliente. E’ la carta di credito più diffusa ed è quella che normalmente viene richiesta alla propria banca.

Carta di debito più comunemente conosciuta come bancomat

Viene emessa da un istituto bancario a favore di un consumatore che ha un conto corrente presso i suoi sportelli. Consente di prelevare contanti nonché di effettuare spese presso esercizi abilitati (tramite il sistema POS, Point of Sale). L’addebito avviene direttamente sul conto corrente del titolare con valuta del giorno stesso.

Il suo utilizzo, sia per il prelievo di contante che per il pagamento prevede la digitazione del proprio PIN (Personal identification number).

Carta di credito revolving

Prevede i medesimi servizi della carta a saldo, ma ha la caratteristica di “contenere” un affidamento, cioè funziona grazie ad un prestito al titolare della card. In altre parole, questa carta gli offre la possibilità di spendere del denaro indipendentemente dai fondi disponibili sul conto corrente e di ripagare ratealmente il debito che si crea.

Nel corso del mese il cliente può scegliere la rata di rimborso che preferisce pagare, purché superiore ad una rata minima (normalmente, intorno al 5% dell'esposizione debitoria).



Carta privativa o Fidelity Card

Viene emessa da un supermercato o un grande magazzino o da una catena di negozi (in accordo con un istituto finanziario) ed è utilizzabile solo in un circuito di negozi o di esercizi prestabiliti.

Questa operazione consente peraltro di raccogliere dati sulla clientela, alla quale poi offrire prezzi e prodotti sempre più mirati, e può consentire anche delle formule di pagamento con sconti o con servizi di credito.

Particolarmente interessante appare la carta revolving per le possibilità di espansione che è destinata ad avere sul mercato dei sistemi di pagamento elettronici. Questa carta, infatti, è appetibile su larga scala sia dal piccolo che dal medio utilizzatore e nel settore del business d’impresa.

Come abbiamo visto, in contropartita della possibilità di usare una linea di credito con la carta revolving, il titolare della card accetta di pagare un tasso di interesse mensile che va a remunerare l’impiego effettivo del finanziamento concesso.

Può sembrare ovvio, ma va sottolineato che gli interessi si applicano solo alle somme utilizzate, per cui l’istituto emittente, a differenza degli affidamenti in conto corrente (dove vengono addebitate delle commissioni di massimo scoperto) non percepisce nulla per il fatto di mettere a disposizione del denaro, se questo non è effettivamente speso e la carta non viene utilizzata.

Oltre agli interessi, nei costi per l’utilizzo della carta revolving è da considerare che l’emittente può richiedere una quota fissa annua di associazione, in modo non dissimile da ciò che accade per la carta bancomat o per la carta “charge”. O che la card può essere associata ad altri servizi più o meno facoltativi.

CARTA REVOLVING - AVVERTENZE

A proposito della CARTA REVOLVING è’ bene però tenere presente che:

.

Per porre una domanda sulle carte di pagamento (credito, debito, revolving, fidelity ecc.), su altri strumenti di pagamento e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

22 agosto 2013 · Chiara Nicolai

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, ,

carte di credito di debito (bancomat) e carte revolving

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su carte di credito – tipologie. Clicca qui.

Stai leggendo Carte di credito – tipologie Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 22 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria carte di credito di debito (bancomat) e carte revolving Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca