Le carte di credito a saldo vengono concesse a qualsiasi correntista indiscriminatamente?

Qualunque correntista può ottenere con facilità una carta di credito, che sia a saldo oppure revolving, dal proprio istituto di credito?

Per rispondere a questa domanda, è bene fare una fondamentale premessa.

Il periodo di crisi che ci accompagna ha comportato un consistente restringimento di concessione del credito da parte delle banche. Basti pensare ai mutui o ai prestiti, sempre più raramente elargiti.

Non per ultima, in questa lista, compare la concessione di una semplice e comune carta di credito a saldo.

Le banche, per concederla, richiedono garanzie piuttosto rigide.

Innanzitutto, se siete stati segnalati in una qualsiasi centrale rischi come cattivi pagatori, ovviamente, scordatevi la concessione dello strumento di pagamento. Ma questo, ai tempi d'oggi, è banale e facilmente prevedibile.

Ma le sorprese non finiscono qui.

Anche non avendo uno storico creditizio negativo, con redditi certificati e disponibilità di saldo sul vostro conto corrente l'istituto può rifiutarsi di concedere una carta di credito.

In questo senso, fa notizia un'indicazione fornita dal Collegio di coordinamento dell'Arbitro Bancario Finanziario nella decisione 6182/13.

A parere dell'ABF, infatti, non può considerarsi esistente, alla luce dell'attuale disciplina generale della materia, un diritto del cliente alla concessione della carta di credito, data l'indubbia autonomia decisionale da riconoscersi alla banca in ordine alla relativa erogazione sulla base di proprie valutazioni.

La valutazione della convenienza di un'operazione, quale il rilascio di una carta di credito, è demandata alla discrezionalità della banca.

Il rilascio di una carta di credito, infatti, richiede un'attenta analisi del merito creditizio del richiedente e la valutazione del così detto "merito creditizio" costituisce prerogativa dell'istituto erogante ove una conclusione diversa finirebbe per violare la libertà negoziale della banca.

Appurata la discrezionalità imprenditoriale di cui la banca dispone in materia di valutazione del merito creditizio e conseguente rilascio di una carta di credito, si può solo discutere, peraltro, se ed a quali condizioni si possa configurare un obbligo, in capo all'intermediario, di motivare adeguatamente un eventuale rifiuto di rilascio della carta di credito.

Sotto questo aspetto si può affermare che anche nell'esercizio dell'attività creditizia la discrezionalità tecnica di cui indiscutibilmente la banca dispone non può che svolgersi all'interno del perimetro segnato dai limiti di correttezza, buona fede e specifico grado di professionalità che l'ordinamento richiede.

La specificità dell'indicazione delle motivazioni di esclusione del cliente dalla possibilità di ottenere una carta di credito si presenta, allora, come profilo imprescindibile della doverosa funzione che le risposte della banca sono destinate ad assumere ai fini dell'orientamento del cliente stesso nei suoi rapporti di credito presenti e futuri.

Conseguentemente, è da ritenere indiscutibile l'attuale sussistenza di un diritto del cliente a ricevere indicazioni, anche se di carattere generale (in quanto applicazione di criteri elaborati per la generalità della clientela), ma pur sempre adeguatamente rapportate alle concrete circostanze individuali, circa le ragioni dell'eventuale diniego di rilascio della carta di credito.

I chiarimenti da fornire al cliente, insomma, lasciano ferma la insindacabilità degli orientamenti della banca in ordine alla concessione della carta di credito, la sua facoltà, cioè, di valutare ogni richiesta sulla base di criteri propri, quali le caratteristiche personali del richiedente (anche con riguardo alla sua storia creditizia) e le politiche di rischio adottate.

Dunque, diffidate dai messaggi pubblicitari, alquanto spudorati, di molti noti istituti di credito, i quali millantano carte di credito concesse, addirittura gratuitamente, con la mera apertura di un rapporto di conto corrente.

La maggior parte di questi spot sono pubblicità ingannevole.

Infatti, prima della concessione, la banca vi chiederà sicuramente delle garanzie, quali accredito dello stipendio o saldo di tot euro sul vostro conto, per poter cominciare a valutare la situazione.

Dopodiché, e fidatevi che succederà, nonostante i requisiti soddisfatti, sarà fatto su di voi un controllo completo nella vostra storia creditizia. E, anche se sarà filato tutto liscio, la banca potrebbe comunque rifiutarsi di concedere la carta di credito.

I motivi possono essere i più disparati: comunque non ve lo diranno mai esplicitamente. Ricordate che le banche hanno dei criteri di assegnazione del credito lontani dalla logica e a volte anche dalla matematica.

Comunque l'intenzione di questo intervento non era di spaventarvi. Buona fortuna!

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le carte di credito a saldo vengono concesse a qualsiasi correntista indiscriminatamente?.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.