Aggiornamento della carta di circolazione per uso promiscuo del mezzo: i costi e le sanzioni

Quanto costa aggiornare la carta circolazione? E se si omette di farlo, cosa si rischia?

Per quanto riguarda i costi, da notare che alla richiesta di annotazione vanno allegati le attestazioni di pagamento di 16 euro per imposta di bollo e di 9 euro per diritti di motorizzazione.

Nel caso si rendesse necessaria la duplicazione della carta di circolazione il bollo è di 32 euro. Nei casi dove non è necessaria l'emissione del tagliando di aggiornamento si pagano solo i diritti di motorizzazione.

Sono ovviamente esclusi gli eventuali costi legati all'intermediazione di agenzie di pratiche automobilistiche.

Per quanto concerne le sanzioni, invece, in caso di omissione ad un controllo può seguire l'applicazione di una sanzione amministrativa variabile da 516,46 a 2.582,28 euro e il ritiro della carta di circolazione, con invio della stessa agli uffici del DTT per l'adempimento.

Da chiarire che le sanzioni sono applicabili solo ai casi di possesso iniziato a partire dal 4/11/2014, decorsi i 30 giorni utili per adempiere all'obbligo.

I possessi iniziati prima di tale data possono o meno essere regolarizzati, a scelta dei soggetti coinvolti, senza rischio di sanzionamento.

Sui procedimenti di accertamento e applicazione delle sanzioni non ci sono ancora chiarimenti a cui fare riferimento. Dovrebbe a breve pronunciarsi in merito il Ministero dell'Interno.

26 novembre 2014 · Andrea Ricciardi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su aggiornamento della carta di circolazione per uso promiscuo del mezzo: i costi e le sanzioni.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.