Carovita: le famiglie sempre più dagli strozzini

Codici Abruzzo, associazione che tutela i consumatori, lancia un allarme sulle tante famiglie che si rivolgono agli strozzini a causa del carovita. E tuona contro il governo centrale colpevole di escludere le associazioni di consumatori dai finanziamenti pubblici a favore di fondazioni e confidi. A questi ultimi settanta milioni di euro. Scrive Codici Abruzzo:'Si tengono in questi giorni gli incontri tra il governo e le prefetture di tutta Italia per affrontare il delicato tema dell'usura e per avanzare una serie di proposte, nonchè la nuova strategia di lotta al fenomeno.Nel corso degli incontri vengono presentati i mini pool antiusura e viene annunciato lo stanziamento di 70 milioni di euro a favore delle fondazioni e dei confidi per le attività di prevenzione alla grave piaga sociale.Inoltre, non rientra nelle scelte strategiche del governo il sostegno alle famiglie, ai precettori di reddito e ai pensionati, i quali restano totalmente esclusi dai benefici erogati dalla legge 108.'Rimaniamo attoniti di fronte alla strategia messa a punto dal governo, ricordando che il Codici Abruzzo ha più volte evidenziato la necessità di interventi a favore delle famiglie, rivendicando aiuto e sostegno a favore delle associazioni che operano concretamente nella tutela degli usuratì .Il Codici Abruzzo critica aspramente la linea strategica del governo che continua a privilegiare le categorie professionali con indubbia ricaduta in termini di consenso clientelare. Ricordiamo che il Codici Abruzzo lotta per l'abbattimento della grave piaga sociale non solo offrendo consulenza legale e supporto psicologico alle vittime, ma garantendo anche patrocinio legale e costituendosi ai processi, infatti sono circa 40 le cause, a livello nazionale, in corso per il reato di usura. Inoltre, le prefetture inviano i casi di usura alle associazioni senza che quest’ultime percepiscano alcun sostegno economicò .

14 novembre 2007 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su carovita: le famiglie sempre più dagli strozzini.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.