Canone RAI - Chi può ottenere esenzione

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

L'esenzione riguarda i soggetti che abbiano compiuto il settantacinquesimo anno di età entro la scadenza del termine di pagamento del canone.

Per ottenere l'esenzione dal 2011, per esempio, il settantacinquesimo anno di età dev'essere compiuto entro il 31/1/2011. Per ottenere l'esenzione dal secondo semestre 2010, in caso di pagamenti semestrali, il settantacinquesimo anno di età deve risultare compiuto entro il 31/7/2010.

Possono usufruire dell'esenzione anche i soggetti che abbiano un reddito proprio che, unito a quello del coniuge, non superi complessivamente i 6.713, 98 euro annui (516,46 euro per tredici mensilità ).

Devono essere presi in considerazione tutti i redditi, anche quelli non soggetti a tassazione irpef, relativi all'anno precedente a quello per il quale si intende fruire dell'agevolazione.

Sono compresi quindi i redditi imponibili desumibili dal CUD o dalla dichiarazione dei redditi (al netto degli oneri deducibili), nonchè i redditi soggetti ad imposta sostitutiva o ritenuta, come gli interessi maturati su conti bancari, postali, BOT, CCT e altri titoli di Stato, tutti i proventi di quote di investimenti e i redditi percepiti all'estero.

Devono essere comprese nel conto anche le retribuzioni corrisposte da enti o organismi internazionali, rappresentanze diplomatiche consolari, missioni, o quelle corrisposte dalla Santa Sede, da enti gestiti da essa o da entri centrali della Chiesa cattolica.

Non si considerano invece i redditi esenti da irpef (pensioni di guerra, rendite INAIL, pensioni di invalidità), i redditi derivanti dall'abitazione principale, i trattamenti di fine rapporto e gli altri redditi assoggettati a tassazione separata;

L'esenzione è valida anche per i soggetti che non convivano con altre persone, diverse dal coniuge, che abbiano un reddito proprio.

Per gli "abbonamenti" che dovrebbero attivarsi durante l'anno l'esenzione è applicabile se il soggetto ha già compiuto i 75 anni. Va inviata la dichiarazione di esenzione entro 60 giorni da quando è sorto l'obbligo di pagamento (inizio del possesso della TV).

L'esenzione riguarda esclusivamente l'apparecchio televisivo detenuto presso l'abitazione di residenza.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.