Considerazioni sulle norme di recesso dal canone rai

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La norma di recesso dal canone è assurda, perché risalente a un periodo storico in cui c'era una tv ogni 50 utenti e gli unici canali erano quelli Rai, ma è stata superata da una pronuncia di una Commissione con un anelito di libertà.

Attendiamo che il Parlamento, nelle democrazie le norme dovrebbero innovarle deputati e senatori e non i magistrati, ratifichi un principio sacrosanto: la libertà di guardare e pagare la tv che si desidera.

Purtroppo, però, la Rai è controllata dai partiti i quali difficilmente legiferano contro i loro interessi.

Non rimane quindi che ringraziare i giudici tributari del Lazio per il gentile pensiero natalizio a tutti gli abbonati.

Intanto, comunque, la parola passa alla giurisprudenza di legittimità .

10 marzo 2014 · Giorgio Valli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.