Determinazione del reddito per l'esenzione dal canone rai

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Ai fini della determinazione del reddito imponibile si deve tenere conto a quanto risulta dalla dichiarazione dei redditi dell'anno precedente a quello in cui si desidera usufruire dell'agevolazione.

Per le persone che sono esentate dalla presentazione della dichiarazione si fa riferimento al CUD.
Nel calcolo del reddito complessivo si tiene conto anche degli interessi maturati sui depositi bancari, postali nonché delle rendite derivanti da BOT, CCT e da altri titoli di Stato. Oltre che dei redditi derivanti da altri investimenti.

Sono invece esclusi dal calcolo del reddito complessivo i redditi esenti da Irpef come le pensioni di invalidità civile, le rendite Inail e le pensioni di guerra.

Si escludono anche: il reddito dell'abitazione principale con le relative pertinenze, il TFR e gli altri redditi assoggettati a tassazione separata.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.