La dichiarazione sostitutiva permette di non pagare il Canone Rai

Presentare la dichiarazione sostitutiva, ovvero affermare di non possedere un apparecchio televisivo, permette di non pagare il Canone Rai: vediamo come, quando e perché.

La legge prevede, per chi è intestatario di un'utenza elettrica nella casa di residenza anagrafica, una presunzione di detenzione di una tv.

Per chi non possiede la Tv c'è l'onere di dichiararlo, presentando una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà predisposta dall'Agenzia delle entrate.

La dichiarazione sostitutiva fa fatta anche:

  • nel caso più componenti del nucleo familiare fossero intestatari di una bolletta elettrica, per la stessa abitazione o per abitazioni diverse: in questo caso si deve compilare il quadro B specificando su quale utenza si vuole l'addebito; non è ovviamente necessario ripetere la dichiarazione ogni anno.
  • dagli eredi del contribuente defunto che possono usare il modulo per chiedere la “cancellazione” della posizione contributiva del parente defunto, compilando il quadro B. Questi possono dichiarare altresì il proprio codice fiscale o quello di altri soggetti (pur non facenti parte della famiglia anagrafica del defunto) sulla cui bolletta andrà a gravare il canone disdetto. Ciò anche se la persona indicata già paga il canone su altra utenza (in questo caso il canone rimane uno). Anche in questo caso la dichiarazione non dovrà essere ripetuta annualmente.
  • da chi ha chiesto in passato il suggellamento della TV (dal 2016 non più richiedibile), relativamente al NON possesso di apparecchi ulteriori rispetto a quello suggellato. La dichiarazione deve essere ripetuta annualmente.
  • da chi i viene in possesso di un apparecchio TV dopo aver presentato dichiarazione di non possesso: in questo caso va compilata, nel quadro A, la sezione “Dichiarazione di variazione dei presupposti”.

Per il 2016, la dichiarazione sostitutiva andava presentata entro il 16 maggio 2016 ed esonerava dall'obbligo di pagamento del canone per tutto l'anno.

Quella presentata dal 17 maggio al 30 giugno esonera per il semestre luglio-dicembre 2016.

La dichiarazione sostitutiva presentata dal 1° luglio 2016 al 31 gennaio 2017 esonera dall'obbligo di pagare il canone per tutto il 2017.

L'invio può avvenire:

  • per posta raccomandata a/r senza busta;
  • per pec (con sottoscrizione mediante firma digitale) all'indirizzo cp22.sat@postacertificata.rai.it
  • telematicamente tramite il sito dell'Agenzia.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la dichiarazione sostitutiva permette di non pagare il canone rai.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.