Evasione o mancato pagamento del canone rai - le sanzioni

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Le sanzioni in caso di evasione possono arrivare sino a quasi 620 euro.

Chi invece rinnova l'abbonamento oltre i termini di legge deve corrispondere il canone utilizzando un bollettino di c/c 1107 intestato a: AG. ENTRATE DP. I UFF. TERR. TO 1 SAT -RECUPERO CANONI ABBONAMENTO TV.

In questo caso sono dovute le sanzioni e gli interessi di mora nelle misure sotto riportate.

In caso di ritardo inferiore ai trenta giorni, è dovuta una sanzione amministrativa pari a 1/12 dell'importo del canone per ogni semestre pari ad Euro 4,47

In caso di ritardo superiore a trenta giorni la sanzione ammonta a 1/6 del canone per ogni semestre pari ad Euro 8,94

Inoltre, qualora il ritardo superi i sei mesi, sono in aggiunta dovuti gli interessi di mora, attualmente determinati nella misura dell'1% per ogni semestre compiuto.

Tali maggiorazioni sono da versare sul c/c postale numero 104109 intestato a: AG. ENTRATE DP. I UFF. TERR. TO 1 SAT - SANZ. AMM.VE INTERESSI E SPESE.

Se l'utente non rinnova nei termini stabiliti, il S.A.T. provvederà al recupero bonario.

Successivamente, il recupero coattivo (Cartella esattoriale) sarà eseguito dal Concessionario della Riscossione - Decreto legislativo numero 46 del 1999.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.