\n\n

Nel 2005 ho subito 5 protesti (dopo il primo anche se nel conto c’era la disponibilita’ gli altri ci sono andati in automatico)

  • karalis 7 settembre 2008 at 15:00

    NEL 2005 HO SUBITO 5 PROTESTI (DOPO IL PRIMO ANCHE SE NEL CONTO C’ERA LA DISPONIBILITA’ GLI ALTRI CI SONO ANDATI IN AUTOMATICO). HO PRESENTATO DOPO UN ANNO ISTANZA AL TRIBUNALE PER LA RIABILITAZIONE,CHE MI è STAT RIFIUTATA PERCHE' MANCAVANO GLI ASSEGNI IN ORIGINALE.
    IO AVEVO PRODOTTO 5 ASSEGNI IN COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE E 5 QUIETANZE.
    HO CHIESTO ALLA BANCA ED AL NOTAIO E NESSUNO SA DIRMI DOVE SONO FINITI GLI ASSEGNI!!!!
    QUALCUNO SA DIRMI SE è CORRETTO CHE IL TRIBUNALE ABBIA RIGETTATO LA PRATICA?
    E SE è CORRETTO CHI PER LEGGE DOVREBBE AVERE I MIEI ASSEGNI ORIGINALI?
    GRAZIE

    Devi chiedere alla cancelleria del tribunale qual è la procedura per la riabilitazione in assenza di originali.

    Purtroppo non esiste una procedura unica, ed ogni tribunale se la canta e se la suona come meglio crede.

    Può darsi che non accettino copia conformi quietanzate ma esigano l'apertura di depositi vincolati a ciascun beneficiario dell'assegno protestato. Nel qual caso devi accordarti con i beneficiari in modo che ti restituiscano i soldi dopo aver effettuato i depositi vincolati.

    Come può essere che si accontentino di una liberatoria di ciascuno dei beneficiari autenticata dal notaio.

    In ogni caso, devi informarti.

1 2 3 4

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Torna all'articolo