Chiedere a poste italiane la rettifica cai per errata segnalazione

Evidentemente, le poste hanno forse riconosciuto l'errore con la lettera che lei cita, ma non hanno effettuato la procedura di rettifica presso CAI per errata segnalazione.

Allora, poiché l'importo dell'assegno scoperto oppure l'importo di più assegni scoperti emessi in tempi ravvicinati) è superiore ai 2.582,28 euro (se non ricordo male dovrebbe essere il suo caso), la sanzione accessoria si sostanzia in una permanenza negli archivi CAI che va da due a cinque anni, con contestuale divieto di emettere assegni.

La durata della sanzione accessoria viene stabilita dalla Prefettura, che peraltro avrebbe dovuto inviarle (o sta per inviarle) le ingiunzioni di pagamento per le sanzioni pecuniarie (che variano da 1.032,92 a 6.197,48 euro - se l'assegno supera i 10.329 euro, e in tutti i casi di reiterazione, le sanzioni variano da 2.065,82 a 12.394,96 euro).

Diciamo che forse ha riposto troppa fiducia in quella lettera delle poste ....

6 novembre 2012 · Lilla De Angelis

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su chiedere a poste italiane la rettifica cai per errata segnalazione. Clicca qui.

Stai leggendo Chiedere a poste italiane la rettifica cai per errata segnalazione Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 6 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca