Il bonus mobili 2016

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La Legge di Stabilità 2016 ha prorogato fino al 31 dicembre 2016 l'agevolazione fiscale prevista per l'acquisto di arredi, materassi e apparecchi di illuminazione, il Bonus Mobili, con le medesime modalità in vigore per l'anno 2015.

È confermato anche per il 2016 il vincolo della "Riqualificazione del patrimonio immobiliare" (il "Bonus ristrutturazioni", a sua volta agevolato dall'incentivo fiscale del 50%) come condizione indispensabile per ottenere il Bonus Mobili.

Il disegno di legge sulle "Misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per EXPO 2015", varato il 21 maggio 2014, ha definitivamente confermato che è possibile effettuare acquisti di arredi fino a 10 mila euro di spesa usufruendo della detrazione Irpef del 50%, a prescindere dal costo dei lavori di ristrutturazione.

Pertanto, l'importo portato in detrazione per l'acquisto degli arredi, potrà essere anche superiore all'importo portato in detrazione per gli interventi di riqualificazione del patrimonio immobiliare. È questo un grande successo dell'azione di lobby delle Associazioni e dei Sindacati della filiera.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info