Che cos'è il bonus bebè: principi generali

Ne abbiamo già parlato in numerosi diversi interventi sul nostro blog, ma vale la pena ribadirlo ancora una volta: che cos'è il cosiddetto bonus bebè?

In linea piuttosto generale, il Bonus Bebè è un assegno da 80 euro al mese, per un totale annuo erogato di 960 euro annui, riconosciuto alle famiglie con reddito/ISEE fino a 25.000 euro annui per ogni figlio nato o adottato nel triennio 2015, 2016 e 2017.

Il contributo previsto dalla legge sale a 1.920 euro annui, 160 euro al mese, se il reddito/ISEE non supera 7.000 euro.

Il bonus bebè era stato introdotto nella legislazione del 2014: per il 2015, infatti, sono usufruibili quasi tutte le agevolazioni e i bonus del 2014, ci sono alcune novità, però , soprattutto introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 (legge 190/2014).

Per gli interventi in favore della famiglia, infatti, vengono assegnati anche altri fondi (112 milioni di euro) destinati in parte allo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia e in parte ad alimentare il già esistente “fondo per la distribuzione delle derrate alimentari alle persone indigenti” che finanzia programmi nazionali di distribuzione svolti da organizzazioni caritatevoli (mense per i poveri, distribuzione cibo, etc.).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su che cos'è il bonus bebè: principi generali.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.