Come funziona l'incentivo del bonus bebè?

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Come funziona, in particolare, l'incentivo del bonus bebè per le neo mamme?

Per ogni figlio nato o adottato tra il 1 Gennaio 2015 e il 31 Dicembre 2017 è riconosciuto un assegno di 960 euro annui erogato mensilmente a decorrere dal mese di nascita o adozione.

Tale assegno, che non concorre a formare reddito tassabile, è corrisposto fino al compimento del terzo anno di età ovvero fino al terzo anno di ingresso nel nucleo familiare a seguito di adozione.

E' corrisposto a figli di cittadini italiani, di uno stato UE o di cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno, residenti in italia, a condizione che il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente sia in condizioni economiche corrispondente ad un ISEE non superiore a 25.000 euro annui. L'importo dell'assegno è raddoppiato nel caso di ISEE non superiore a 7.000 euro annui.

L'assegno è corrisposto dall'INPS dietro domanda da presentarsi con modalità che dovranno essere fissate da un decreto (Dpcm) che dovrebbe arrivare entro i primi giorni di Febbraio 2015.
In futuro, dal momento in cui l'erogazione sarà a regime, l'importo degli assegni potrebbe essere rivisto, così come i valori dell'Isee.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info