Bonus bebè » beneficio per asilo e baby sitting aumenta fino 600 euro

Il bonus bebè per le madri lavoratrici

Come chiarito in nostri numerosi interventi, le lavoratrici madri possono beneficiare del cosiddetto bonus bebè, un contributo mensile per pagare la baby sitter oppure l’asilo nido dei propri bambini. Ora, però, dopo il flop dell'anno 2013, il voucher per pagare asili nido o baby sitter previsto dalla riforma Fornero del 2012 dovrebbe essere presto rinnovato.

Com'è noto, è stata introdotta in via sperimentale, per il triennio 2013 – 2015, la possibilità per la madre lavoratrice di richiedere, al termine del congedo di maternità e in alternativa al congedo parentale, voucher per l'acquisto di servizi di baby sitting, ovvero un contributo per fare fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati accreditati, da utilizzare negli undici mesi successivi al congedo obbligatorio, per un massimo di sei mesi.

Come era impostato fino ad oggi il bonus bebè

Nell'immediatezza, come accennato, dovrebbero essere apportate alcune modifiche al bonus bebè per le madri lavoratrici. Intanto, per rinfrescarci la memoria, vogliamo ricordare cosa prevedeva, e prevede ancora tutt'ora, l'agevolazione.

Ricordiamo che possono accedere al beneficio:

Le lavoratrici madri possono accedere al beneficio anche per più figli, presentando una domanda per ogni figlio/nascituro (in caso di gravidanza plurima) purché ricorrano per ciascun figlio i requisiti sopra richiamati.

Da notare bene, inoltre, che non sono ammesse al beneficio:

La Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica – ha chiarito che la normativa in questione non è direttamente applicabile ai rapporti di lavoro dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni, sino all'approvazione di apposita normativa che, su iniziativa del Ministro per la pubblica amministrazione, individui e definisca gli ambiti, le modalità ed i tempi di armonizzazione della disciplina relativa ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche.

Prima delle possibili modifiche, il beneficio consiste nelle seguenti forme di contributo, alternative tra loro:

L’importo del contributo è di 300,00 euro mensili ed era erogato per un periodo massimo di sei mesi (tre mesi per le lavoratrici iscritte alla gestione separata), divisibile solo per frazioni mensili intere, in alternativa alla fruizione del congedo parentale, comportando conseguentemente la rinuncia dello stesso da parte della lavoratrice.

Le lavoratrici part-time possono fruire del contributo in misura riproporzionata in ragione della ridotta entità della prestazione lavorativa.

Come accennato, il bonus bebè è alternativo al congedo parentale, cioè al congedo facoltativo concesso per un totale di dieci mesi tra i due genitori dopo la maternità obbligatoria.

Se una madre decide di beneficiare del bonus bebè per un determinato numero di mesi deve, pertanto, rinunciare, per i corrispondenti mesi, al congedo parentale.

In sintesi, per accedere al bonus bebè è dunque necessario:

Le possibili modifiche del Ministero del Lavoro al bonus bebè

Come accennato, il Ministero del Lavoro sta per apportare diverse novità al bonus bebè, per poterlo rendere più ricco, più semplice ed accessibile.

Le modifiche a cui sta lavorando il ministero del Lavoro prevedono:

  1. l’estensione della fruibilità del bonus alle dipendenti del pubblico impiego;
  2. l’incremento dell'importo mensile del voucher, che passerà da 300 a 600 euro;
  3. la possibilità di richiedere il contributo entro il 31 dicembre, eliminando quindi il bando a tempo limitato utilizzato nella prima edizione.

Come spiegato nel precedente paragrafo, in base a quanto previsto dalla legge, una madre lavoratrice, in alternativa al congedo parentale, può chiedere di ricevere un voucher di importo mensile di 300 euro per un massimo di 6 mesi con cui pagare la retta degli asili nido accreditati o la baby sitter.

A copertura dell'operazione sono stati stanziati 20 milioni di euro all'anno dal 2013 al 2015.

L’anno 2013 però, come confermato dal ministero del Lavoro, meno di 4000 madri hanno sfruttato questa possibilità e sono stati utilizzati circa 5 milioni di euro.

Ciò a fronte delle difficoltà di conciliare famiglia e lavoro da parte delle neo-mamme.

Quasi il 43% delle donne con figli piccoli lamenta la difficoltà di tenere insieme lavoro e maternità.

È evidente, dunque, l’urgenza di mettere a disposizione delle donne servizi e forme di sostegno tarate sulle effettive esigenze delle famiglie, che siano efficaci.

Da qui la decisione di rivedere le regole del bonus, tramite un decreto ministeriale che dovrebbe vedere la luce a breve.

14 luglio 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bonus bebè » beneficio per asilo e baby sitting aumenta fino 600 euro. Clicca qui.

Stai leggendo Bonus bebè » Beneficio per asilo e baby sitting aumenta fino 600 euro Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 14 luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria sostegno al reddito - contributi incentivi pensione di inabilità e assegno di invalidità - assegno familiare e per il nucleo familiare - indennità di disoccupazione Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca