Gli obiettivi del sistema europeo di bonifici sepa

L'obiettivo del SEPA è la creazione di un mercato integrato per i pagamenti elettronici in euro che, tramite prodotti e tracciati informatici omogenei, permetta:

  • identiche tutele per il cliente in tutti gli Stati del perimetro
  • uniformità di costi e tempi di esecuzione tra pagamenti nazionali e pagamenti nell'area UE.

Grazie all'area unica dei pagamenti, i cittadini e le imprese potranno avere servizi di pagamento in euro sicuri, a prezzi concorrenziali, facili da usare, affidabili e con modalità uniformi di utilizzo.

Con lo stesso conto corrente, aperto in una banca dell'Ue, e una stessa carta di credito, infatti, 500 milioni di cittadini possono ora fare e ricevere versamenti in 33 paesi dell'area euro senza alcuna difficoltà.

Tutto ciò è possibile grazie alla nascita della SEPA, acronimo di Single Euro Payments Area, l'Area unica dei pagamenti in euro.

Si tratta di una zona dove le differenze tra i mezzi di pagamento dei vari Stati sono state abolite per favorire la creazione del mercato unico europeo, uno degli obiettivi principali dell'Ue.

A delinearne i confini è il Regolamento 260/2012 scritto ‘a quattro manì da Parlamento e Consiglio dell'Ue.

Dopo la moneta, dunque, anche bonifici, accrediti e carte di credito parlano una lingua sola.

La SEPA comprende 33 Paesi: è composta infatti da 18 Stati Ue che già usano l'euro (Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovacchia, Slovenia e Spagna), 10 Stati membri che hanno conservato un'altra valuta, ma accettano l'euro per i pagamenti (Bulgaria, Croazia, Danimarca, Lituania, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Svezia e Ungheria) e altri 5 Paesi esterni all'Ue (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Principato di Monaco, Svizzera), compresa la Repubblica di San Marino.

Mentre nei paesi dell'Eurozona i nuovi mezzi di pagamento si possono utilizzare dal primo febbraio scorso, in tutti gli altri, il termine per il passaggio scadrà il 31 ottobre 2016.

Dunque, d'ora in poi possiamo dire addio al vecchio bonifico e al Rid: gli strumenti SEPA (il bonifico, in gergo tecnico BCT e l'addebito diretto, l'SDD) si useranno sempre, sia per spostare denaro nell'Area unica, ma anche da un conto corrente all'altro in Italia.

In questo modo cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni potranno pagare tutto in euro, con mezzi alternativi al contante, in estrema sicurezza e facilmente, acquisti online compresi.

27 febbraio 2014 · Stefano Iambrenghi

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gli obiettivi del sistema europeo di bonifici sepa. Clicca qui.

Stai leggendo Gli obiettivi del sistema europeo di bonifici sepa Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 27 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info