Bollo auto » La circolare Aci sulla tassa automobilistica

L'intestatario di un veicolo deve annotare tempestivamente al Pra la perdita di possesso del mezzo per evitare tra l'altro il pagamento delle tasse automobilistiche. E dal 2 maggio 2013 questa procedura è agevolata allargandosi anche a fattispecie finora escluse.

Lo ha chiarito la circolare riepilogativa dell'Aci, protocollo 4067 del 17 aprile 2013.

Tali incongruenze sono state determinate anche dalle determinazioni delle singole regioni spesso in palese contrasto con la natura di tributo statale riconosciuto dalla Consulta.

Con la circolare diramata l'Aci in qualche modo avvalla le differenti prassi regionali cercando però di fare chiarezza sull'istituto della perdita di possesso del veicolo, non solo per finalità tributarie.

L'intestatario del veicolo, specifica innanzitutto la nota romana, qualora perda la disponibilità del mezzo può richiedere al pubblico registro automobilistico l'annotazione della perdita di possesso.

Questa trascrizione produrrà la cessazione dell'obbligo del pagamento del bollo auto dando anche pubblicità legale all'evento.

Anche se con questa circolare si allargherà il novero delle annotazioni possibili non tutti gli eventi potranno ancora essere trascritti.

Il caso di sequestro amministrativo del veicolo per violazioni stradali per esempio non risulterà ancora trascrivibile, specifica la circolare.

Stessa impossibilità concreta, al momento, per l'ipotesi del sequestro della carta di circolazione del veicolo.

In ipotesi di fallimento è possibile annotare la perdita di possesso, specifica l'Aci, ma non è detto che questo sia sufficiente ad interrompere l'obbligo di pagare la tassa (dipende da regione a regione).

Per gli utenti distratti che dopo la rottamazione, la vendita e l'esportazione del mezzo risultano ancora intestatari del veicolo si potrà procedere alla formalità anche con dichiarazioni sostitutiva di atto notorio.

Inoltre, dal 2 maggio 2013, sarà possibile trascrivere anche la rinuncia all'eredità snellendo sensibilmente le incombenze di successione.

In caso di calamità naturali la perdita di possesso potrà essere annotata esibendo un verbale degli organi di emergenza intervenuti sul posto.

La richiesta di annotazione andrà effettuata dall'intestatario del mezzo o da chi ne ha la rappresentanza legale.

In caso di cittadini extracomunitari l'ammissibilità della dichiarazione sostitutiva per l'annotazione è limitata alle ipotesi di resa denuncia di furto, rapina e sottrazione per appropriazione indebita del veicolo.

Attenzione infine all'ipotesi di rientro in possesso.

Anche questa ipotesi dovrà essere tempestivamente annotata al pra per ripristinare, tra l'altro, l'obbligazione tributaria sospesa.

20 giugno 2013 · Giorgio Valli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bollo auto » la circolare aci sulla tassa automobilistica.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.