Le esenzioni dal bollo auto

L'esenzione dalla tassa automobilistica è prevista per le seguenti categorie predeterminate di autoveicoli:

  • Auto destinate ai disabili
  • Autoveicoli del Presidente della Repubblica e quelli in dotazione permanente del Segretario generale della Presidenza della Repubblica
  • Veicoli di ogni specie in dotazione fissa dei Corpi armati civili e militari dello Stato e della Protezione civile, provvisti di speciali targhe di riconoscimento.
  • Veicoli esclusivamente destinati, per conto dello Stato, delle Regioni, delle Province e Comuni o di associazioni umanitarie, al servizio di estinzione incendi e di protezione civile
  • Autoveicoli degli agenti diplomatici e consolari, regolarmente accreditati in Italia, a condizione di reciprocità di trattamento
  • Autobus adibiti a trasporto pubblico di linea
  • Autoambulanze di cui alla tariffa I del decreto del Presidente della Repubblica 5 febbraio 1953, numero 39 (Testo unico delle leggi sulle tasse automobilistiche)
  • Veicoli atti al carico, scarico e compattazione dei rifiuti solidi urbani e/o adibiti allo spurgo dei pozzi neri, la cui attrezzatura deve essere fissa e permanente oppure, qualora scarrabili, in caso di intercambiabilità vincolata al caricamento di sola struttura con medesima caratteristica, per i quali si prevede l'esenzione dal pagamento sia della tassa di possesso che dell'integrazione dovuta per la massa rimorchiabile.
  • Autoveicoli elettrici e quelli alimentati a gas metano e a Gas Propano Liquido (GPL) già dotati di dispositivo per la circolazione con gas metano o GPL all'atto dell'immatricolazione.

Se si possiede un veicolo B/MET, B/GPL, METANO, GPL, ELETTRICO (con indicazione nel campo P.3 del libretto della relativa dicitura) l'autovettura rientra fra quelle a cui la legge regionale numero 23/2003 concede l'esenzione dal pagamento della tassa automobilistica, in quanto veicolo alimentato a metano, GPL, elettrico o bipower.

Il veicolo, quindi, è già dotato di dispositivo per la circolazione con gas metano o GPL all'atto dell'immatricolazione ed è uscito dallo stabilimento di produzione già provvisto della suddetta apparecchiatura.

Tale esenzione opera in automatico senza necessità di alcuna istanza o comunicazione da parte del proprietario.

Il veicolo continuerà ad usufruire dell'esenzione dal pagamento della tassa automobilistica, fino a nuova contraria disposizione legislativa.

Inoltre, l'articolo 11 della l.r. numero 22/2007 introduce un'esenzione di cinque anni per i soli veicoli su cui sia stato installato e collaudato un sistema di alimentazione a GPL o METANO dopo l'entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge 3 ottobre 2006, numero 262 (24 novembre 2006).

I veicoli in questione devono avere potenza non superiore ai 100 KW ed essere conformi alla direttiva 94/12/CE e seguenti (EURO 2, 3, 4). L'esenzione è riconosciuta per cinque anni, a decorrere dal primo periodo utile dopo l'entrata in vigore della legge regionale 22/2007 (fissata il 7 dicembre 2007).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.