Bollette energetiche più salate: aumenti in arrivo per luce e gas

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina.

Bollette energetiche » L'AEEG annuncia aumenti significativi per elettricità e gas già dal 1° ottobre 2015

L'Aeeg (Autorità Energia elettrica e gas) annuncia importanti aumenti in bolletta, per quanto riguarda le fatture elettriche e del gas, già a partire da ieri, 1 ottobre 2015.

Senza dubbio, con l’arrivo della stagione autunnale e l’imminente ritorno all'ora solare, data fissata per il prossimo 24 ottobre 2015, aumentano le esigenze nelle abitazioni degli italiani per quanto riguarda l’apporto di luce e di gas.

E, infatti, guarda caso, proprio a partire da ieri, 1 ottobre 2015, è stato annunciato l’aumento delle bollette energetiche.

A diffondere la notizia proprio l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico sottolineando, nella consueta nota di aggiornamento trimestrale, un incremento delle tariffe dell’elettricità e del gas rispettivamente del 3,4% e del 2,4 per cento.

L’aumento, tra in tanti aspetti, è dovuto in primo luogo al rialzo dei costi complessivi per l’approvvigionamento della materia energia e anche per la richiesta di elettricità che è aumentata nei mesi scorsi per far fronte all'ondata di caldo record registrato in tutta Italia.

Insomma, ancora cattive notizie per i consumatori italiani.

I motivi che hanno fatto scaturire l'aumento delle bollette energetiche

Vediamo quali sono i fattori principali che hanno determinato i rincari per quanto riguarda le bollette di energia elettrica e gas.

Per l'energia elettrica il rincari, in parte, è dovuto alle condizioni eccezionali di caldo del luglio scorso.

I consumi più elevati della media (trainati dall'uso dei condizionatori) hanno fatto registrare picchi di prezzo sul mercato all'ingrosso (+39 per cento rispetto a giugno), dovuti anche a un minor apporto di energia idroelettrica ed energia eolica.

A questo si devono aggiungere i costi straordinari connessi alla fine del meccanismo di ritiro dei certificati verdi nel 2016 e i costi per gli incentivi all'efficienza energetica.

Per il gas la situazione è altrettanto complessa, anche se si parte da un presupposto diverso. In questo caso, il costo della materia prima è calato, seppur leggermente con una riduzione media dello 0,6 per cento sul cliente medio, in linea con le quotazioni in Italia e in Europa.

Ad annullare questo effetto, contribuiscono gli aumenti dei costi di trasporto (in realtà, si tratta dei nuovi incentivi ai titolari dei depositi di stoccaggio, che si applicano però solo nei mesi invernali) nonché della "componente per la gradualità nell'applicazione della riforma del gas".

Un passaggio che necessita di un'ulteriore spiegazione. Da più di un anno, per la determinazione dei prezzi della bolletta del gas non si tiene più conto dei prezzi di lungo periodo, ma di quelli del mercato a breve, diventati molto più convenienti.

Una riforma che è però stata introdotta con una gradualità per i prossimi quattro anni: il consistente risparmio per i consumatori è stato limitato da forme di compensazione per gli operatori che importano e vendono il gas.

Le bollette aumentano ma si prospettano risparmi a lungo termine: sarà vero?

Nonostante il rincaro, nell'ambito delle bollette per consumi energetici, previsto per l'autunno 2015, gli esperti prospettano risparmi futuri per le tasche dei consumatori italiani.

Come chiarito nel precedente capitolo, siamo agli sgoccioli riguardo agli aumenti in bolletta per le spese di luce e gas.

Ciò perché,la bolletta dell’elettricità per la famiglia tipo crescerà del 3,4% mentre quella del gas del 2,4%.

A prevederlo è la autorità per l’Energia nell'aggiornamento delle condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori in tutela per il quarto trimestre 2015.

Nonostante questi aumenti, le spese per il 2015 saranno comunque più basse rispetto a quelle del 2014.

La bolletta del gas sarà di 505 euro, con un calo del 2,2%, pari a 11 euro. Per quanto riguarda la luce la spesa sarà di 1123 euro, invece, con una diminuzione del 4,2%, pari a 50 euro.

In totale quindi, la famiglia tipo risparmierà oltre 60 euro.

2 ottobre 2015 · Tullio Solinas

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

cerca