Zuccheri, bollicine e squilibri alimentari

Nel mondo, le bibite gassate zuccherate occupano la terza posizione dietro il tè e il latte. Vendute nei negozi di alimentari, ma anche nei chioschi e nei distributori automatici installati nei luoghi pubblici, queste bevande occupano una fetta importante del paniere alimentare. Il loro consumo è specialmente elevato presso i giovani, ciò che contribuisce allo squilibrio alimentare criticato dai nutrizionisti. Secondo uno studio, il 34% dei bambini tra i 6 e i 12 anni soffre di sovrappeso e dal 10 al 16% può essere considerato come"obeso", con rischi di malattie cardiovascolari e di diabete. Un grande bicchiere (3 dl) di aranciata o di tè freddo può arrivare contenere l'equivalente di sette zollette di zucchero. Insieme all'acidità dovuta all'anidride carbonica, questo zucchero favorisce la carie dentaria. Le bibite light (senza zucchero) sono meno dannose per la salute, ma gli edulcoranti artificiali in esse contenuti stimolano il consumo di cibi zuccherati. La progressione del consumo di bibite zuccherate avviene a scapito delle bibite tradizionali: il consumo di succo di mele, di pere e di uva è in continua diminuzione.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su zuccheri, bollicine e squilibri alimentari.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.