Se i peracottari che vogliono riscrivere la costituzione non sono capaci a scrivere correttamente nemmeno una lettera ...

basta-un-no

Basta un NO

L'errore nell'indicazione del sito internet del Comitato referendario Basta un sì guidato da Matteo Renzi, contenuto nella lettere inviata agli elettori italiani all'estero dal segretario del Pd (peraltro in modo abusivo o quantomeno scorretto) è diventato un'arma per il fronte opposto.

Infatti, il Comitato per le ragioni del No Costituzione Bene Comune ha colto la palla al balzo acquistando il dominio dell'indirizzo web indicato, per gli approfondimenti, in calce alla lettera, www.bastausi.it, ridirigendo l'url a questo indirizzo.

L'errore di battitura (ma, per una lettera che invita i destinatari a riscrivere la Costituzione, le bozze andrebbero attentamente esaminate) era stato individuato nei giorni scorsi dal leghista Roberto Calderoli e quelli del Comitato di Altero Matteoli hanno sfruttato le possibilità offerte dal web, facendo in modo che gli italiani all'estero interessati ad approfondire le ragioni del Sì al referendum, se digiteranno l'indirizzo contenente l'errore, saranno automaticamente reindirizzati sul loro sito web, che riporta, invece, tutte le ragioni del No viste da destra.

La lettera inviata dal Pd a 4 milioni di italiani, che spiega come la riforma costituzionale sia un "tassello per rendere più forte l'Italia", aveva già creato polemiche. I comitati del No avevano chiesto un incontro urgente al Presidente della Repubblica e al ministro degli Esteri.

Secondo il vice presidente del Comitato per il No, Alfiero Grandi, "man mano che emergono i particolari, la lettera inviata da Renzi agli elettori italiani all'estero pone problemi seri e preoccupanti. Il ricorso alla magistratura in tutte le sedi possibili è a questo punto inevitabile per cercare di ottenere giustizia". Mentre il leader M5S, Beppe Grillo, in un un tweet aveva invitato i destinatari a "distruggere la lettera", considerandola come spam.

Ecco chi ha comprato il dominio bastausi.it

whois

E' stato Ruggero Barbetti, 59 anni, al suo quinto mandato come sindaco di Capoliveri, sull'isola d'Elba, ad acquistare e redirigere il dominio www.bastausi.it. Per capire la portata dell'evento, bisogna fare un passo indietro: alla lettera inviata da Renzi a 4 milioni di italiani all'estero per sostenere le ragioni del Sì. In fondo alla missiva — come indicato, per primo, dal senatore leghista Roberto Calderoli — c'è un refuso: il sito indicato non è www dot bastaunsi dot it, ma www dot bastausi dot it.

Senza una n!

bastausi

14 novembre 2016 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su se i peracottari che vogliono riscrivere la costituzione non sono capaci a scrivere correttamente nemmeno una lettera .... Clicca qui.

Stai leggendo Se i peracottari che vogliono riscrivere la costituzione non sono capaci a scrivere correttamente nemmeno una lettera ... Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 14 novembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità e riflessioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca