Bancomat e conti correnti » Ecco la mini-stangata

Bancomat e conti correnti » Ecco la mini-stangata

C’era, purtroppo, da aspettarselo: le banche, nonostante i tanti soldi ricevuti per i salvataggi disposti dal governo, hanno scaricato sui cittadini le proprie sofferenze.

Si, perchè le banche stanno picchiando sulle commissioni. A partire dal Bancomat: nel 2013 la spesa per il prelievo è cresciuta del 5% (da 2 a 2,10 euro in media).

Ma salgono anche le altre commissioni dei conti correnti, come il prelievo allo sportello (da 1,5 a 2 euro) e il costo dello sforamento quando si va in rosso, cosa sempre più comune in tempi di crisi.

Nei 12 mesi del 2013 il costo del conto corrente di dicembre, che raduna, oltre alle spese mensili, anche gli oneri di chiusura come le commissioni sui titoli o sugli scoperti, è salito del 5%, ben quattro volte l'inflazione: da 217,2 a 228,28 euro secondo lo studio dei ricercatori della Bocconi che hanno analizzato i conti ordinari di 10 banche.

Ma l'aumento diventa del 43% se il confronto viene fatto con i 159 euro di tre anni fa.

La mini-stangata viene giustificata con il fatto che alcune operazioni implicano più lavoro dei dipendenti nel back office.

Così ben 8 delle 18 commissioni sono state ritoccate con un rialzo medio del 20%: 3 euro per pagare le bollette allo sportello (da 2,5), 55 euro per il deposito titoli (da 50), un euro per chiedere i movimenti (da 0,5).

Andare in rosso costa sempre di più, per i correntisti: il tasso passivo medio è salito dal 18% al 20% e chi sfora il fido di 100 euro per dieci giorni paga fino a 50,51 euro.

29 gennaio 2014 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bancomat e conti correnti » ecco la mini-stangata.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.