Le carte Bancomat con microchip e le esigenze di compatibilità con gli ATM a banda magnetica

E stato allora introdotto il microchip: i dati di addebito continuano ad essere memorizzati nel dispositivo ma per estrarli occorrono tempi assai più lunghi (con le tecnologie attualmente disponibili) della manciata di secondi in cui la carta Bancomat staziona nell'apposito lettore durante la transazione. Il malfattore può ancora rilevare il PIN, è vero, ma non può servirsene, non disponendo delle altre informazioni registrate nel microchip. In pratica, il microchip è considerato non clonabile.

Tuttavia, bisognava salvaguardare gli ingenti investimenti profusi nell'acquisto e nell'installazione capillare dei distributori di banconote di vecchia generazione (quelli che funzionano solo con Bancomat dotato di banda magnetica, per capirci). Senza contare il fatto che era anche necessario assicurare i prelievi all'estero, considerando che il circuito interbancario non poteva certo imporre a tutte le banche del mondo la sostituzione degli ATM di vecchia generazione con quelli capaci di leggere i dati dal microchip.

La soluzione? Da qualche tempo le carte BANCOMAT vengono consegnate ai clienti nella versione "doppia funzione", dotate, cioè, sia di microchip che di banda magnetica. E, in grado di leggere sia il microchip che la banda magnetica sono anche gli ATM di recente installazione e quelli che, gradualmente, vanno a rimpiazzare i vecchi dispositivi obsoleti e non funzionanti.

I nuovi distributori ATM sono, pertanto, compatibili sia con le carte Bancomat dotate esclusivamente di banda magnetica che con quelle equipaggiate anche con microchip. Leggono la banda magnetica nel primo caso, il microchip nel secondo. I vecchi distributori, naturalmente, quando viene introdotta una carta bancomat con doppia funzione (microchip e banda magnetica) leggono la banda magnetica.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le carte bancomat con microchip e le esigenze di compatibilità con gli atm a banda magnetica.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.