Quanti sono i conti correnti superiori a 100 mila euro in Italia?

Volendo fare una stima, immaginando una situazione ipotetica di default di una banca, quanti sarebbero i conti correnti aggredibili?

In Italia, a rischio prelievo forzoso del 20% potrebbero essere tra i 3 e i 4,5 milioni di correntisti.

Secondo varie stime incrociate, si aggirerebbe infatti su queste cifre il numero dei conti correnti con depositi superiori ai 100 mila euro, per un totale di circa 234 miliardi di euro.

Nel complesso, i conti correnti bancari in Italia sono circa 30 milioni. E una stima probabile è che quelli superiori ai 100 mila euro si possano attestare sul 10-15%, ovvero sarebbero tra i 3 e i 4,5 milioni.

Ad essi si aggiungono i conti postali, circa 7-8 milioni (conti correnti a tutti gli effetti, quindi espropriabili), ma di questi solo pochissimi superano i 100 mila euro.

Secondo altre stime, a gennaio 2013 il saldo totale dei conti correnti in Italia si attestava a 704 miliardi di euro.

Di questi 470 ricadono sotto la garanzia del Fondo Interbancario.

Dunque la fetta potenzialmente a rischio prelievo sarebbe un po' superiore ai 230 miliardi di euro.

Ma si parla comunque di una cifra vaga poiché relativa a tutte le banche italiane e non solo a quelle potenzialmente a rischio default.

Sarebbero infatti i soli ‘maxi-correntistì di queste ultime il target dell'eventuale tassazione del 20%, analoga a quella di Cipro.

Secondo alcune stime i depositi nell'ultimo periodo sono aumentati del 7%.

7 luglio 2015 · Andrea Ricciardi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quanti sono i conti correnti superiori a 100 mila euro in italia?.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.