Rinegoziazione mutui secondo Tremonti - ecco le banche che offrono la rinegoziazione «rafforzata»

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Le disposizioni della convenzione tra il ministero dell'Economia e l'Associazione bancaria costituiscono uno standard minimo per la rinegoziazione del mutuo, che lascia perciò alle banche la possiblità di offrire alla clientela interessata condizioni ancora più favorevoli rispetto a quelle previste. Si tratta di proposte che gli istituti devono comunicare all'Abi al momento dell'adesione alla Convenzione.

Secondo l'elenco aggiornato al 20 agosto, sono quasi 150 le banche e i gruppi bancari che hanno aderito alla Convenzione, e tra loro figurano tutti i principali istituti italiani. Sul totale degli aderenti, però, sono poco più di una trentina quelli che hanno predisposto condizioni migliorative: alcuni hanno agito sullo spread, attraverso uno sconto sul tasso accessorio, altri hanno invece esteso l'applicazione ai mutui a tasso misto o a quelli cartolarizzati.

La maggior parte delle migliorazioni proposte riguarda l'abbassamento del tasso applicato al conto di finanziamento, che la Convenzione vuole sia quello minimo tra l'Irs a 10 anni maggiorato dello 0,50% e il valore del tasso previsto alla data di rinegoziazione. Così alcune banche offrono uno sconto su tale maggiorazione dell'Irs: propongono ad esempio una percentuale dello 0,40%, tra le altre, le banche del gruppo Bpm, la Banca Popolare di Puglia e Basilicata, le banche del gruppo Cassa di Risparmio di Ferrara (eccetto la Banca di Treviso); mentre lo 0,25% è offerto dal gruppo Banco Desio, dalla Banca della Bergamasca, dalla Banca di Credito Cooperativo di Lesmo. Ci sono poi alcuni istituti che eliminano del tutto la maggiorazione, come la Banca delle Marche e le banche del Gruppo Ubi (eccetto la Banca 24-7).

Un versante "caldo" è quello dell'estensione della proposta di rinegoziazione ai mutui oggetto di cartolarizzazione. Una opzione che interessa molti mutuatari e che è offerta ad esempio da alcune banche dei gruppi Intesa-San Paolo, Montepaschi e Banca Carige, dalla Banca Popolare di Vicenza, dalla Cassa di Risparmio di Asti, dalla Banca delle Marche. Quest'ultima figura anche nell'elenco degli istituti che estendono l'applicazione ai mutui a tasso misto, assieme alle banche dei gruppo Ubi e Carige, alla Banca Popolare di Vicenza, alla Bcc di Castenaso.

Ci sono poi banche, quali la Cassa Rurale di Treviglio e la Bcc Alta Brianza-Alzate Brianza, che non prevedono alcuna capitalizzazione periodica sul conto di finanziamento accessorio. Un'offerta singolare proviene infine dalla Bcc di Avetrana: la riduzione di 0,50% del tasso di interesse medio applicato al contratto nel 2006, ovvero quello che sarà applicato alle rate dopo la rinegoziazione.

di Dario Aquaro

da Il Sole24Ore

26 agosto 2008 · Piero Ciottoli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Anonimo 25 gennaio 2010 at 11:52

    se ne fregano tutti ki vuoi risp..

    • cocco bill 25 gennaio 2010 at 12:36

      Per ottenere una risposta basta semplicemente inserire il quesito in questo forum.

      Se siamo in grado di dare una risposta, di solito "non ce ne freghiamo ..."

    1 3 4 5