Avviso di addebito Inps » Suggerimenti per l'impugnazione

1. Avviso di addebito Inps » Cosa è e come impugnarlo
2. Validità dell'avviso di addebito Inps
3. Impugnazione dell'avviso di addebito Inps

Avviso di addebito Inps » Cosa è e come impugnarlo

L’avviso di pagamento dell'Inps deve contenere alcuni elementi essenziali, pena la sua nullità. Vi forniamo, quindi, alcuni suggerimenti per poterlo impugnare, sia per vizi di forma che di sostanza.

Che cos'è l'avviso di addebito dell'Inps

L’avviso di addebito dell'Inps è l’atto attraverso il quale l’Inps richiede al contribuente il pagamento delle somme dovute come, ad esempio, il mancato versamento dei contributi previdenziali e assistenziali alla scadenza.

L'avviso di pagamento dell'Inps è già un titolo esecutivo ai fini della riscossione, il che significa che è sufficiente per avviare l’esecuzione forzata nei confronti del contribuente, senza altri successivi atti.

Proprio per questo motivo, non è necessaria la cartella esattoriale di Equitalia per l’azione nei confronti di chi non paga le somme richieste entro sessanta giorni.

Validità dell'avviso di addebito Inps

L’avviso di addebito Inps, per essere regolare, deve contenere i seguenti elementi essenziali:

  1. il codice fiscale del soggetto tenuto al versamento;
  2. il periodo di riferimento del credito e la causale;
  3. gli importi addebitati ripartiti tra quota capitale, sanzioni e interessi ove dovuti;
  4. l’indicazione dell'agente della riscossione competente in base al domicilio fiscale presente nell'anagrafe tributaria alla data di formazione dell'avviso.
  5. l’intimazione ad adempiere l’obbligo di pagamento degli importi nello stesso indicati entro il termine di sessanta giorni dalla notifica;
  6. l’indicazione che, in mancanza del pagamento, l’agente della riscossione indicato nel medesimo avviso procederà ad espropriazione forzata, con i poteri, le facoltà e modalità che disciplinano la riscossione a mezzo ruolo;
  7. la sottoscrizione, anche mediante firma elettronica, del responsabile dell'ufficio che ha emesso l’atto.

La mancanza di uno solo di questi elementi comporta la nullità dell'avviso di addebito.

E' buona norma, quindi, sapere che se l’avviso dovesse essere privo di uno dei precedenti contenuti potrebbe essere impugnato davanti al giudice e, quindi, annullato.



Impugnazione dell'avviso di addebito Inps

Per poter impugnare l'avviso di pagamento, il contribuente deve agire alternativamente tramite:

  1. ricorso in via amministrativa all'Inps entro novanta giorni dalla notifica;
  2. ricorso al giudice del lavoro entro quaranta giorni dalla notifica dell'accertamento.

L’impugnazione, comunque, non sospende automaticamente l’esecutività dell'avviso. Questo significa che, dopo sessanta giorni dalla notifica dell'avviso, in assenza di pagamento, l’Inps potrà avviare l’esecuzione forzata.

Il contribuente, tuttavia, una volta impugnato l’atto, può chiederne la sospensione sulla base di validi motivi. Infatti, legittimato ad impugnare l’avviso, oltre che nelle ipotesi di assenza di un requisito essenziale, anche qualora intenda contestare le somme addebitate perché, per esempio, sono già state pagate, o l’errore sul destinatario dell'atto.

Il contribuente può anche impugnare l’atto qualora la sua notifica non sia avvenuta correttamente.

31 gennaio 2014 · Gennaro Andele

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , ,

INPS » recupero crediti - trattenute per indebito pagamento - avviso di addebito e cartelle esattoriali

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su avviso di addebito inps » suggerimenti per l'impugnazione. Clicca qui.

Stai leggendo Avviso di addebito Inps » Suggerimenti per l'impugnazione Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 31 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria INPS » recupero crediti - trattenute per indebito pagamento - avviso di addebito e cartelle esattoriali Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 8 9 10

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca