Cosa può fare il debitore a cui è stato notificato un avviso di accertamento immediatamente esecutivo

A fronte della notifica di un avviso di accertamento immediatamente esecutivo, il contribuente -  nel termine previsto di 60 giorni dalla data di notifica - può:

  1. impugnare avviso di accertamento immediatamente esecutivo innanzi alla Commissione Tributaria Provinciale competente;
  2. avvalersi dello strumento deflativo di acquiescenza;
  3. avvalersi dello strumento deflativo di accertamento con adesione.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cosa può fare il debitore a cui è stato notificato un avviso di accertamento immediatamente esecutivo.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Piero Ciottoli 26 aprile 2012 at 11:10

    L'agente della riscossione comunica al contribuente, attraverso una raccomandata semplice, di avere preso in carico le somme. Il contribuente è così in grado di conoscere il momento a partire dal quale può chiedere la rateizzazione del debito.

1 2 3