La misura cautelare del fermo amministrativo

Il fermo amministrativo  consiste in una misura cautelare attivata dall'Agente della riscossione (Adr) attraverso la trascrizione del fermo del bene mobile registrato, per esempio, un'automobile nel Pubblico registro automobilistico, con conseguente divieto di circolazione. Se, dopo il fermo, il debito continua a non essere pagato, l'Adr può sottoporre a pignoramento il bene fermato e venderlo all'asta. Con l'entrata in vigore del dl 70/2011, convertito con modificazioni dalla legge 106/2011, sono stati introdotti nuovi obblighi in materia di comunicazioni dall'Agente della riscossione.  La stessa legge stabilisce anche che il debitore non è tenuto al pagamento di spese per la cancellazione del fermo amministrativo né all'agente della riscossione né al pubblico registro automobilistico gestito dall'Automobile Club d'Italia (ACI) o ai gestori degli altri pubblici registri.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca