Altri adempimenti fiscali

Nell'esercizio dell'attività, l'impresa è soggetta ad una serie di ulteriori adempimenti, molti dei quali variano secondo la tipologia e le modalità di svolgimento della stessa.

Tra gli altri adempimenti comuni alla generalità delle imprese si ricordano:

  • la comunicazione annuale dati Iva;
  • il versamento dell'acconto Iva.

Comunicazione annuale dati Iva

Entro la fine del mese di febbraio dell'anno successivo al periodo di riferimento, i contribuenti devono presentare una Comunicazione dati Iva.

In essa vanno riportati i dati delle operazioni attive e passive effettuate nell'anno precedente (senza tener conto delle operazioni di rettifica e conguaglio).

Sono esonerati da questo adempimento:

  • coloro che hanno effettuato solo operazioni esenti (a meno che non abbiano registrato operazioni intracomunitarie);
  • i contribuenti esonerati dall'obbligo di presentazione della dichiarazione annuale;
  • le persone fisiche che hanno realizzato nel periodo di riferimento un volume d'affari fino a 25.822,85 euro.

Il modello di comunicazione annuale dati Iva deve essere presentato esclusivamente in via telematica direttamente dal contribuente o tramite un intermediario abilitato. È esclusa ogni altra modalità di presentazione.

Acconto Iva

Il versamento dell'acconto Iva va eseguito entro il 27 dicembre di ogni anno, utilizzando per il calcolo uno dei seguenti tre metodi alternativi:

  • metodo storico : l'acconto è pari all'88% del versamento effettuato o che avrebbe dovuto essere effettuato per il mese di dicembre dell'anno precedente (o nel caso di trimestrali, per il quarto trimestre dell'anno precedente) senza tener conto dell'eventuale acconto versato per tale periodo;
  • metodo previsionale : qualora l'impresa preveda che l'importo da versare per la liquidazione di dicembre (o nel caso di trimestrali, per il quarto trimestre) sia inferiore rispetto a quanto versato per il mese di dicembre (o per il quarto trimestre) dell'anno precedente, può versare l'88% di questo minor valore;
  • metodo effettivo : tale metodologia prende in considerazione le operazioni realmente effettuate alla data del 20 dicembre. In sostanza, l'importo da versare emerge da una liquidazione che tiene conto dell'Iva relativa alle operazioni
    • annotate sul registro delle fatture emesse (o dei corrispettivi) dal 1° al 20 dicembre (o, nel caso di trimestrali, dal 1° ottobre al 20 dicembre);
    • eseguite dal 1° novembre al 20 dicembre (o, nel caso di trimestrali, fino al 20 dicembre) ma non ancora registrate (sui registri citati) o fatturate, perché i termini di registrazione e/o fatturazione non sono ancora scaduti;
    • annotate dal 1° al 20 dicembre (o, nel caso di trimestrali, dal 1° ottobre al 20 dicembre) sul registro degli acquisti.

L'acconto sarà pari alla somma degli importi annotati sul registro delle fatture emesse (Iva a debito) diminuito dell'importo di Iva detraibile, annotato sul registro degli acquisti.

Per fare una domanda sui principali adempimenti fiscali per avvio attività, su avvio attività, su fisco, tasse, dichiarazioni dei redditi, regimi fiscali agevolati, ed altri argomenti correlati clicca qui.

5 agosto 2013 · Giorgio Valli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • PATRIK PERCIC 10 gennaio 2011 at 14:52

    buongiorno,
    la mia domanda risulta molto semplice: volevo saper in che senso sono intesi i ricavi nel regime fiscale delle giovani iniziative come vanno calcolati gli ammortamenti delle spese per lo svolgimento dell'ATTIVITA'?COSA POSSO SCARICARE ECOSA NO?

    NEL MIO CASO LA P. IV.A. RIGUARDA UNA AGENZIA DI COMUNICAZIONE ED INTRATTENIMENTO..
    AVENDOLO IO FATTO IN FORMA DI BARISTA IN ALCUNI CASI E COME PURO DIVERTIMENTO IN ALTRI SUPPORTANDO LE SERATE NEI LOCALI CON IL MICROFONO ORA MI PIACEREBBE FARNE UNA VERA E PROPRIA AGENZIA CHE FORNISCE AI LOCALI TUTTO CIO DI CUI ANNO BISOGNO PER ORGANIZZARE UNA FESTA DAL PERSONALE ALLA COMUNICAZIONE PER FAR SI CHE LA SERATA SIA PIENA DI GENTE...

    COSA MI CONSIGLIATE?

    • cocco bill 10 gennaio 2011 at 15:23

      Ciao Patrik. Il suo quesito andrebbe riproposto nella sezione "fisco e tasse" del nostro forum.

    1 2 3