Principali adempimenti fiscali - IVA

In questo articolo si propone una sintesi sui fondamentali obblighi fiscali che deve adempiere chi esercita un'attività e sui principali documenti previsti ai fini dell'imposizione diretta (Irpef) ed indiretta (in particolar modo, l'Iva).

L'Iva è l'imposta (disciplinata dal DPR 633/72) che si applica sulle cessioni di beni e sulle prestazioni di servizi eseguite in Italia da tutti i titolari di partita Iva, per i quali, comunque, è “neutra”, nel senso che non rappresenta né un costo né un ricavo. Di fatto, è pagata dal consumatore finale.

Essa si determina sottraendo l'Iva pagata ai fornitori per l'acquisto di beni e servizi (Iva a credito) da quella incassata dalla vendita dei prodotti o dalle prestazioni dei servizi eseguite (Iva a debito).

L'aliquota ordinaria dell'imposta è del 20%; tuttavia la legge prevede per alcuni beni e servizi anche delle aliquote ridotte pari al 4% (come, ad esempio, latte fresco, frutta, giornali, libri e periodici, somministrazione alimenti e bevande nelle mense di aziende o attraverso distributori automatici) o al 10% (ad esempio, latte conservato, uova, agrumi, acqua e birra, prodotti di pasticceria, energia elettrica e gas per uso domestico, medicinali, somministrazione di alimenti e bevande in esercizi pubblici).

OPERAZIONI SOGGETTE AD IVA E RELATIVA DOCUMENTAZIONE

Le principali operazioni rientranti nel campo d'applicazione dell'Iva, che devono essere documentate da chi esercita un'attività, si distinguono in:

  • operazioni imponibili, cioè quelle su cui si applica l'imposta con aliquota variabile (4%, 10%, e 20%);
  • operazioni non imponibili, su cui non si calcola l'Iva ma che sono lo stesso soggette agli altri obblighi formali. Si tratta generalmente:
  • di esportazioni, cioè cessioni verso paesi non appartenenti alla Comunità europea;
  • di operazioni assimilate all'esportazione (ad esempio, la vendita di navi destinate ad attività commerciali e di pesca);
  • di servizi internazionali, come i trasporti di persone eseguiti parte in Italia e parte all'estero o i trasporti relativi a beni in esportazione;
  • operazioni esenti, su cui non si applica l'Iva, ma soggette generalmente agli altri obblighi formali; si tratta di operazioni espressamente elencate dalla legge (articolo 10 del DPR 633/72), tra cui, ad esempio
  • gli affitti di fabbricati e di terreni;
  • le operazioni di assicurazione;
  • le cessioni fatte ad enti pubblici, ad associazioni o fondazioni aventi finalità di assistenza e beneficenza, alle Onlus;
  • le scommesse, il lotto e le altre lotterie nazionali;
  • il trasporto urbano delle persone.

Le suddette operazioni vanno documentate, in relazione all'attività svolta, attraverso:

  • la fattura;
  • lo scontrino fiscale;
  • la ricevuta fiscale;
  • i documenti di trasporto.

Generalmente, per ogni operazione soggetta ad Iva, si deve emettere la fattura. Solo per alcune attività, ad esempio per i commercianti al minuto, ristoranti, bar, artigiani, o per particolari operazioni elencate dalla legge, è prevista l'emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale (a meno che la fattura non sia richiesta dal cliente).

Fattura

La fattura va emessa lo stesso giorno in cui l'operazione è effettuata (vale a dire: al momento della consegna per le cessioni di beni mobili, al pagamento del corrispettivo per le prestazioni di servizi, al momento della stipulazione dell'atto notarile per le cessioni di beni immobili).

Solo con riferimento alle cessioni di beni mobili, la cui consegna risulti da un documento di trasporto (D.D.T.), si può emettere una fattura differita entro il 15 del mese successivo a quello della consegna.

Tale fattura dovrà riepilogare le cessioni effettuate nel mese precedente.
La fattura è generalmente emessa in due esemplari, uno dei quali è consegnato al cliente, e deve contenere:

  • la data di emissione e il numero progressivo della fattura;
  • dati identificativi di chi emette la fattura e del cliente;
  • la natura, la quantità e la qualità dei beni ceduti e dei servizi erogati;
  • l'aliquota Iva applicata e l'ammontare dell'imposta distinta per aliquota;
  • norma e titolo di inapplicabilità per le operazioni non imponibili Iva o esenti;
  • data e numero del documento di trasporto in caso di fatture differite.

Scontrino fiscale

Lo scontrino fiscale deve essere emesso utilizzando appositi registratori di cassa (previsti dalla legge ed installati da un tecnico autorizzato). Esso deve riportare:

  • ragione sociale ovvero cognome e nome del soggetto che lo emette;
  • partita Iva e ubicazione dell'esercizio;
  • corrispettivo comprensivo di Iva ed eventuali sconti;
  • data, ora di emissione e numero progressivo;
  • numero di matricola dell'apparecchio e logotipo fiscale.

Alla fine della giornata il contribuente deve stampare lo scontrino di chiusura giornaliera che riporta sia il totale dei corrispettivi del giorno sia l'ammontare cumulativo dei totali giornalieri precedenti.

Ricevuta fiscale

La ricevuta fiscale va emessa in duplice copia al momento di ultimazione della prestazione (anche se il corrispettivo non è pagato) riportando i seguenti dati:

  • numerazione progressiva attribuita dalla tipografia;
  • data di emissione;
  • ragione sociale, partita Iva, indirizzo del luogo di esercizio dell'attività e indirizzo del luogo in cui sono conservate le ricevute fiscali;
  • natura, qualità e quantità dei beni venduti e dei servizi prestati;
  • ammontare dei corrispettivi dovuti comprensivi di Iva.

Documento di trasporto (D.D.T.)

Il D.D.T. va emesso in forma libera in almeno due copie. Deve contenere il numero progressivo attribuito, la data, i dati identificativi del cedente, dell'acquirente e dell'eventuale impresa incaricata del trasporto, la descrizione dei beni trasportati (natura, qualità, quantità) e l'eventuale causa le del trasporto (quando non si tratta di vendita).

Il D.D.T., non dovendo necessariamente accompagnare i beni ceduti, può essere anche spedito.

L'obbligo di emettere tale documento sussiste nel caso della fatturazione differita ed è utilizzabile anche per il trasferimento di beni a titolo non traslativo (in lavorazione, deposito, comodato, ecc.).

Si ricorda che per alcune tipologie di merci è ancora obbligatoria l'emissione della bolla di accompagnamento (tabacchi, fiammiferi, prodotti soggetti ad accise e imposte di consumo).

Le recenti novità in materia di fatturazione (Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, numero 52)

  • chi deve emettere la fattura può subappaltare la fatturazione ad un soggetto terzo o direttamente al cliente
  • il contenuto della fattura è stato ridefinito
  • è possibile gestire ed archiviare elettronicamente le fatture senza alcuna preventiva autorizzazione da parte dell'amministrazione finanziaria, ma semplicemente dandone comunicazione alla stessa
  • in caso di fatturazione elettronica i documenti vanno autenticati tramite la firma elettronica

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su principali adempimenti fiscali - iva.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • PATRIK PERCIC 10 gennaio 2011 at 14:52

    buongiorno,
    la mia domanda risulta molto semplice: volevo saper in che senso sono intesi i ricavi nel regime fiscale delle giovani iniziative come vanno calcolati gli ammortamenti delle spese per lo svolgimento dell'ATTIVITA'?COSA POSSO SCARICARE ECOSA NO?

    NEL MIO CASO LA P. IV.A. RIGUARDA UNA AGENZIA DI COMUNICAZIONE ED INTRATTENIMENTO..
    AVENDOLO IO FATTO IN FORMA DI BARISTA IN ALCUNI CASI E COME PURO DIVERTIMENTO IN ALTRI SUPPORTANDO LE SERATE NEI LOCALI CON IL MICROFONO ORA MI PIACEREBBE FARNE UNA VERA E PROPRIA AGENZIA CHE FORNISCE AI LOCALI TUTTO CIO DI CUI ANNO BISOGNO PER ORGANIZZARE UNA FESTA DAL PERSONALE ALLA COMUNICAZIONE PER FAR SI CHE LA SERATA SIA PIENA DI GENTE...

    COSA MI CONSIGLIATE?

    • cocco bill 10 gennaio 2011 at 15:23

      Ciao Patrik. Il suo quesito andrebbe riproposto nella sezione "fisco e tasse" del nostro forum.

    1 2 3