Gli autovelox vanno controllati e tarati periodicamente

I dispositivi elettronici per la rilevazione della velocità, come autovelox e tutor, vanno sottoposti a verifica di funzionalità o a una taratura periodica anche se sono utilizzati con la contestuale presenza degli agenti in servizio.

A chiarirlo una volta per tutte, come accennato, è la Corte costituzionale con la sentenza numero 113 emessa il 18 Giugno 2015. La pronuncia è arrivata dopo i ricorsi di un automobilista incappato nelle multe dell'autovelox e fermo sostenitore della taratura e delle verifiche periodiche degli strumenti di controllo della velocità.

In linea piuttosto generale, i giudici costituzionali hanno spiegato che in realtà nessuna legge richiede espressamente l'obbligatorietà della taratura periodica degli strumenti autovelox a cui non si applica quindi la legge 273/1991 che riguarda soltanto i controlli metrologici effettuati su apparecchi di misura di tempo, distanza e massa.

Gli autovelox sono disciplinati, invece, dall'articolo 45 del codice stradale, secondo cui gli apparati di polizia stradale che usano l'autovelox sono tenuti a rispettare le modalità di installazione e di impiego previste nei manuali d'uso degli stessi, i controlli periodici per la taratura sono esclusi solo se non sono esplicitamente richiesti dal costruttore nel manuale d'uso o nel relativo decreto di approvazione.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gli autovelox vanno controllati e tarati periodicamente.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.