Autovelox irregolari sequestrati in 70 comuni - a rischio 82 mila verbali

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui.

La Guardia di Finanza di Sala Consilina ha sequestrato oltre 50 apparati "autovelox" - tipo Velomax, attrezzature informatiche, rilevatori ottici e fotografici, nonchè copiosa documentazione amministrativa, fiscale e bancaria su tutto il territorio nazionale.

E' stata scoperta un'associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata in danno di ignari automobilisti, ai quali sono stati comminati, negli anni 2007/2009, numero 81.555 verbali per presunte violazioni all'articolo 142 del Codice della Strada (superamento dei limiti di velocità ) con indebite richieste di sanzioni ammontanti complessivamente ad oltre 11.300.000,00 euro, interessando oltre 70 comuni italiani, tutti in convenzione con la "GARDA SEGNALE Srl".

Figurano Comuni come Camini (RC), ove nel solo 2008 sono state elevate oltre 13.000 infrazioni. In particolare, nel corso dell'operazione, sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro, presso la sede dell'impresa sita in Desenzano del Garda (BS), svariate CPU clonati e indispensabili per il funzionamento degli Autovelox "Velomatic 512".

E' stato rilevato come analoghi apparecchi contraddistinti da identici numeri di matricola venissero utilizzati in diversi e differenti Comuni d'Italia, distanti diverse centinaia di chilometri tra loro, senza che per questi vi fosse autorizzazione, omologazione e la certezza di corretta funzionalità ; sorprendente e sconcertante è la circostanza che, nonostante alcuni di questi autovelox, identici nello stesso numero di matricola e già sottoposti a sequestro dalle Fiamme Gialle, continuassero a mezzo di CLONI ad essere utilizzati indifferentemente in altri luoghi, oppure di apparecchi che nonostante ne risultasse la rottamazione (tanto era stato dichiarato ai finanzieri dal rappresentante legale della società ), continuavano ad essere detenuti ed impiegati per il rilevamento della velocità .

Pertanto, a prescindere dall'apparecchio effettivamente impiegato, sui verbali utilizzati dagli organi accertatori, forniti da una società di servizi per conto della "GARDA SEGNALE Srl", risultava solo la macchina (autovelox) con il numero di matricola "preordinato", perché tecnicamente era quello "a posto - invero in regola ed autorizzato" ed in caso di impugnazione del verbale, nessuna contestazione poteva essere sollevata nelle controversie innanzi al Giudice di Pace.

Il Codacons, intanto, ha chiesto la rimozione di tutti gli autovelox irregolari, nonché la restituzione dei punti della patente illecitamente ridotti e dei soldi delle multe. L'associazione chiede anche la modifica del codice della strada per stabilire una durata certa del giallo dei semafori e la destinazione di tutti i proventi delle multe al miglioramento della segnaletica e all'educazione stradale. Secondo il Codacons «l'ennesimo sequestro avvenuto sul territorio nazionale dimostra come i Comuni ormai utilizzino strumenti illeciti e violino il codice della strada pur di fare cassa».

1 giugno 2009 · Simone di Saintjust

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2 3

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca