L'ultima spiaggia per il debitore perseguitato - il metodo del buco

Al debitore già fregato dalla persona in cui riponeva fiducia, sul conto corrente della quale aveva versato lo stipendio senza più rivederlo; al debitore a cui i parenti serpenti e i sedicenti amici hanno negato ospitalità per evitare le possibili conseguenze della "presunzione legale di proprietà"; al debitore sfigato, a cui hanno rubato il materasso con i pochi soldini che custodiva, non resta che adottare il “metodo del buco”: banconote da 100/500 euro, avvolte e compattamente sistemate in ovuli di materiale inerte per inserimento rettale. Con il tempo ci si abitua!

1 giugno 2013 · Marzia Ciunfrini

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'ultima spiaggia per il debitore perseguitato - il metodo del buco. Clicca qui.

Stai leggendo L'ultima spiaggia per il debitore perseguitato - il metodo del buco Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 1 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 16 marzo 2017 Classificato nella categoria consigli ed avvisi utili Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca