Pignoramento presso la residenza del debitore - L'ospite dopo tre giorni puzza

Quando si ospita in casa un debitore bisogna ricordare che vige "la presunzione legale di proprietà". Ogni cosa presente nell'abitazione, cioè, si presume, per legge, essere di proprietà del debitore. Per porre in qualche modo rimedio, bisogna stipulare con il debitore, e registrare presso l'Agenzia delle entrate, un contratto di comodato. Nell'evenienza di pignoramento presso la residenza (o il domicilio) del debitore, la precauzione non eviterà, comunque, al padrone di casa, di dover ricorrere all'assistenza di un avvocato per presentare istanza di "opposizione all'esecuzione". Unico modo, questo, per rientrare in possesso dei propri beni, dopo aver esibito il documento che attesta l'effettiva proprietà di quanto pignorato al debitore ospitato.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento presso la residenza del debitore - l'ospite dopo tre giorni puzza.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.