Evitare il pignoramento del conto corrente su cui accreditano stipendio o pensione giocando a ping pong

Per debitori lavoratori dipendenti e pensionati: mai lasciare, per troppo tempo, lo stipendio nel proprio conto corrente, bancario o postale. Se non si riesce a lavorare in nero e lo stipendio supera i mille euro, visto che lo stato costringe il datore di lavoro a versare lo stipendio in conto corrente (legge di stabilità 2013) bisogna prelevare i soldi in contanti ancora caldi di bonifico e metterli a casa sotto al classico materasso (sempre se si disponga di una casa e di un materasso - in realtà basta riversarli sul conto corrente intestato a persona di fiducia, mantenendo per sé stessi delega ad operare e disporre). Tutto questo si rende necessario perchè i creditori hanno imparato ad aggirare il limite di pignorabilità del 20% previsto per stipendi e pensioni, aggredendo direttamente il conto corrente del debitore. E la Corte di Cassazione, anche recentemente, ha sancito che possono legittimamente farlo, dal momento che gli stipendi o le pensioni, una volta versati in conto corrente, non sono più stipendi o pensioni ma si trasformano immediatamente in risparmi. Mah ... le stranezze della giurisprudenza: i soldi che servono per mangiare, pagare l'affitto, mandare i figli a scuola, comprare l'abbonamento per mezzi pubblici che non passano mai o pagare (quasi sempre in nero) il dentista per farsi riparare la dentiera, diventano magicamente risparmi una volta transitati sul conto corrente!

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su evitare il pignoramento del conto corrente su cui accreditano stipendio o pensione giocando a ping pong.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.